dalla Home

Attualità

pubblicato il 7 dicembre 2017

Dossier Multe e Ricorsi

Legge di Bilancio 2017, rottamazione multe fino a oggi

Sono rimaste solo poche ore per aderire alla mini-sanatoria. Ecco come si fa

Legge di Bilancio 2017, rottamazione multe fino a oggi

Rottamazione delle multe, procedura sprint oppure si perde il diritto. In due parole si tratta di questo: l’automobilista con cartelle esattoriali dell’Agenzia delle entrate-Riscossione per vecchie multe non pagate deve sbrigarsi nelle prossime ore per non pagare interessi e maggiorazioni. Infatti, il decreto 148/2017 è Legge (la numero 172/2017) e prevede alcune importanti modifiche al calendario dei pagamenti relativi alla Definizione agevolata 2016. La norma stabilisce che oggi, 7 dicembre 2017, è il termine ultimo per pagare la rata scaduta il 30 novembre, se prevista dal proprio piano di Definizione agevolata. Sempre oggi, 7 dicembre, è il termine ultimo per regolarizzare la propria situazione, nel caso di mancato o incompleto pagamento delle prime due rate in scadenza a luglio e settembre 2017, versando gli importi dovuti senza ulteriori addebiti. Una volta saldate le rate scadute ed effettuato il pagamento dell’eventuale terza rata, si potrà riprendere il piano di Definizione agevolata, scelto nella domanda di adesione.

Oggi o mai più

Il mancato, insufficiente o tardivo pagamento, oltre il termine di oggi, 7 dicembre, fa perdere i benefici della rottamazione e l’Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà, come previsto dalla legge, riprendere le procedure di riscossione. Inoltre, la Legge 172/2017 riammette ai benefici previsti dalla Definizione agevolata, senza ulteriori adempimenti, anche chi ha pagato in ritardo le rate in scadenza a luglio e settembre, che potrà quindi proseguire con i pagamenti previsti dal proprio piano. E posticipa al 31 luglio 2018 la scadenza dell’eventuale quarta rata, inizialmente prevista ad aprile 2018. Resta invece invariato il termine per il pagamento della quinta rata in scadenza, ove dovuta, al 30 settembre 2018.

Come fare

Per effettuare i pagamenti è necessario utilizzare il bollettino RAV riferito alla rata in scadenza ricevuto insieme alla “Comunicazione delle somme dovute”, successivamente alla presentazione della domanda di adesione alla Definizione agevolata. Il bollettino che riporta l’indicazione della rata in scadenza al 30 aprile 2018, può essere pagato entro il 31 luglio 2018, come previsto dalla Legge 172/2017.

Vari modi per pagare

Il contribuente può pagare il bollettino RAV online inserendo il proprio codice fiscale, il codice RAV riportato nel bollettino e l’importo. Oppure può presentatsi allo sportello il bollettino RAV ricevuto dall’Agente della riscossione. Altra soluzione, l’Internet banking. Infine, si possono pagare le rate della definizione agevolata anche con l’addebito diretto sul proprio conto corrente degli importi contenuti nei bollettini RAV. Qui trovate tutti i dettagli delle procedure: agenziaentrateriscossione.gov.it.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , multe


Top