dalla Home

Mercato

pubblicato il 9 aprile 2008

Volano le vendite Chrysler in Europa

Male gli USA. L'Italia si conferma il primo mercato estero

Volano le vendite Chrysler in Europa

E' stato un marzo sfortunato per le "Big Three" americane, principalmente a causa della crisi economica in atto negli Stati Uniti, aggravata dall'aumento del prezzo dei carburanti. Chrysler LLC sul mercato interno ha perso in termini di vendite il 19,4% rispetto a marzo 2007 ed il 15,5% nel primo quadrimestre del 2008 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Al di fuori degli States, però, i risultati economici sono molto più incoraggianti: il primo quadrimestre della Casa di Auburn Hills ha fruttato 57.346 unità vendute in tutto il mondo, con una crescita del 9% rispetto al Q1 2007: "A guidare la nostra crescita internazionale sono stati modelli nuovi e più efficienti come Jeep
Patriot
e Compass e potenti come la Dodge Caliber SRT-4", precisa il presidente Jim Press.

Le automobili Chrysler, Dodge e Jeep vengono vendute in oltre 125 Paesi, metà delle quali vengono assorbite dal mercato europeo che ha fatto registrare un +4% nei primi mesi del 2008. Come avviene da qualche anno lo Stato europeo più fruttuoso per Chrysler è ancora l'Italia con 6.170 immatricolazioni che, rispetto allo stesso periodo del 2007, si traducono in una crescita del 15%. Subito dietro all'Italia, in quanto ad immatricolato, troviamo la Gran Bretagna, a quota 5.609 esemplari venduti (+10%).

A convincere la clientela fuori dagli USA nel primo quadrimestre sono soprattutto i marchi Jeep (22.699 unità, +11%) e Dodge (17.371 unità, +46%), mentre il marchio Chrysler è sceso del 15%, anche se il
management americano si aspetta buoni riscontri dalla nuova Sebring anche in versione Cabrio.

Autore:

Tag: Mercato , Chrysler , immatricolazioni , produzione


Top