dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 novembre 2017

Alpine A110, il sogno proibito degli agenti francesi

Sarebbe il trampolino di lancio ideale per la sportiva a motore centrale

Alpine A110, il sogno proibito degli agenti francesi
Galleria fotografica - Nuova Alpine A110Galleria fotografica - Nuova Alpine A110
  • Nuova Alpine A110 - anteprima 1
  • Nuova Alpine A110 - anteprima 2
  • Nuova Alpine A110 - anteprima 3
  • Nuova Alpine A110 - anteprima 4
  • Nuova Alpine A110 - anteprima 5
  • Nuova Alpine A110 - anteprima 6

In Italia, l’Alfa Romeo Giulia dei Carabinieri è una vera e propria istituzione, che infatti ha avuto la sua riedizione con la Quadrifoglio di cui è stata dotata l’Arma lo scorso anno. In generale, Alfa Romeo è il marchio che più di tutti viene naturale associare alle Forze dell’Ordine italiane. L’equivalente francese di questo “amore” vede da una parte la Gendarmerie e, dall’altra, Alpine. I colleghi di Motor1 France si sono dunque divertiti a immaginare e a dare forma (virtuale) alla nuova A110, preparata per le operazioni di inseguimento. Al di là della passione e del “gioco” dei nostri omologhi francesi, è interessante notare, ancora una volta, come il legame tra le forze di polizia e un modello, un marchio, possa attirare l’attenzione e creare interesse attorno a un modello.

Una lunga storia

E poi si può star certi che gli agenti d’Oltralpe sarebbero più che felici di questa scelta, anche se a essere obiettivi non è così facile che la cosa si realizzi: per le “urgenze”, nel parco auto c’è infatti la Renault Megane RS, che non ha prestazioni molto inferiori, ma è decisamente più abbordabile nei costi di gestione, oltre che più adatta all’uso della Polizia, perché dotata di un vero bagagliaio e dei posti posteriori. Peccato, perché in passato Alpine e Gendarmerie sono andate molto d’accordo: la storia inizia nel 1967, quando viene istituita la prima “Brigade de Recherche et d'Intervention (BRI)”, i cui agenti scelti erano dotati della prima Alpine A110, che guidavano solo dopo apposito brevetto e con il casco sempre in testa. Nel 1973 arriva invece la A310, che per 14 anni rende difficile la vita dei fuggitivi, dall’alto dei suoi 224 km/h di velocità massima; un valore all’epoca alla portata di ben poche macchine.

La nuova, una sportiva vera

La Alpine A110 che debutterà a breve, lo ricordiamo, è una piccola sportiva lunga 4,18 metri, larga 1,8 e alta 1,25. Dotata di carrozzeria in alluminio e di raffinate sospensioni racing a doppio triangolo sovrapposto, è spinta da un quattro cilindri turbo 1.8 da 252 CV e 320 Nm di coppia. Valori sfruttati al meglio dal cambio automatico doppia frizione a 7 marce: il tempo sullo 0-100 km/h è di 4,5 secondi e la velocità massima di 250 km/h.

Autore:

Tag: Curiosità , Alpine , auto europee , polizia


Top