dalla Home

Curiosità

pubblicato il 14 novembre 2017

Guida autonoma, a Las Vegas è già realtà con Keolis

Minivan senza guidatore sono già in servizio in Nevada, per una sperimentazione molto interessante

Guida autonoma, a Las Vegas è già realtà con Keolis
Galleria fotografica - Keolis Las VegasGalleria fotografica - Keolis Las Vegas
  • Keolis Las Vegas - anteprima 1
  • Keolis Las Vegas - anteprima 2
  • Keolis Las Vegas - anteprima 3
  • Keolis Las Vegas - anteprima 4
  • Keolis Las Vegas - anteprima 5
  • Keolis Las Vegas - anteprima 6

Las Vegas, non a sorpresa, è una delle città al mondo più “avanti” per quello che riguarda la vita autonoma. Qui, per esempio, Mercedes ha iniziato già da tempo i collaudi dei suoi sistemi più avanzati. Sempre qui, la società francese Keolis e quella americana AAA (entrambe specializzate nel trasporto di persone), hanno già iniziato la sperimentazione di un servizio di shuttle a guida completamente autonoma.

8 persone, un giro da un km

No, non pensate a dei pulmini senza guidatore liberi di circolare sulle trafficatissime (almeno in certe fasce orarie) strade di Las Vegas: i minivan a 8 posti realizzati dalla startup francese Navya circolano su un loop predefinito e circoscritto della lunghezza di poco meno di un chilometro, all’interno dell’Innovation District, nel corso del quale effettuano tre fermate. Tra l’altro, di queste 8 persone, una è un addetto alla sicurezza, visto che per legge ci deve essere (almeno per ora) un esperto a sorvegliare il corretto funzionamento dei sistemi.

Il top della tecnologia

Tornando ai minivan, sono 100% elettrici e, per garantire il corretto funzionamento dei sistemi di guida autonoma, sono dotati di numerose telecamere e del Lidar per il controllo delle distanze. Per la massima sicurezza, ogni “pulmino” basa il proprio funzionamento sull’incrocio (e la ridondanza) dei dati raccolti dai sistemi sopra elencati con quelli provenienti dal GPS e dall’infrastruttura, precisamente i semafori della città. L’obiettivo di questa operazione non è “solo” quello di mettere a punto la tecnologia, ma anche quello di verificare come le persone si approccino a questo modo rivoluzionario di spostarsi: sia i passeggeri, sia gli altri utenti della strada.

Autore:

Tag: Curiosità , auto elettrica , auto europee , guida autonoma


Top