dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 13 novembre 2017

Dossier Concept Dimenticate

Jaguar R-D6, la prima e unica hatchback del Giaguaro

Fondeva lo stile retrò con quello più moderno, ma non è mai stata pensata per la produzione in serie

Jaguar R-D6, la prima e unica hatchback del Giaguaro
Galleria fotografica - Jaguar R-D6Galleria fotografica - Jaguar R-D6
  • Jaguar R-D6 - anteprima 1
  • Jaguar R-D6 - anteprima 2
  • Jaguar R-D6 - anteprima 3
  • Jaguar R-D6 - anteprima 4
  • Jaguar R-D6 - anteprima 5
  • Jaguar R-D6 - anteprima 6

4 metri e 39, è questa la lunghezza della Jaguar più corta attualmente in commercio, che è un SUV e si chiama E-Pace. Qualcuno però si ricorderà che, nel 2003, la Casa inglese aveva presentato la R-D6, lo studio di una berlina a cinque porte lunga 4,33 metri che ne avrebbe segnato il debutto nel cosiddetto segmento C, una fascia di mercato che Jaguar non aveva mai presidiato e che tutt'ora, al contrario di altri marchi premium come Mercedes, Audi e BMW, non sembra avere intenzione di "aggredire".

Un mix riuscito tra passato e futuro

"Futuro dinamico", era questo il claim ha che accompagnato il debutto della R-D6 al Salone di Francoforte 2003. Nonostante il look moderno, però, la concept era subito riconoscibile come una Jaguar grazie alla mascherina che si rifaceva al passato, al doppio proiettore circolare, al muso lungo e in generale alle linee morbide. E infatti il design, sviluppato da Ian Callum, ha posto le basi per quello che poi è diventato lo stile della XF, la grande berlina del 2008 che ha segnato la rinascita di Jaguar dopo un periodo non proprio felice. Gli elementi più moderni si fondevano con quelli dal gusto retrò: lateralmente gli sportelli si aprivano ad armadio, mentre il portellone posteriore era incernierato lateralmente proprio come sulla celebre E-Type.

Grace, Space e Pace... In formato ridotto

Pulita ed elegante fuori, altrettanto negli interni. Pochi controlli e un layout minimalista per la plancia e in generale per tutto l'abitacolo, per il quale sono stati scelti materiali che richiamassero futuro e passato allo stesso tempo come legno e alluminio. Non poteva mancare poi l'utilizzo di pelle pregiata per i rivestimenti e un'illuminazione rossa a LED per creare un'atmosfera davvero british. Insomma, "Grace" e "Space" c'erano. E per quanto riguarda il "Pace", la velocità? Anche sotto questo punto di vista la R-D6 non deludeva: sotto il cofano c'era un V6 biturbo a gasolio che poi avrebbe debuttato l'anno dopo sulla S-Type. Capace di 230 CV, consentiva alla hatchback inglese di coprire lo 0-100 in meno di sei secondi e di raggiungere la velocità massima di 250 km/h. Nonostante le tante richieste di avviamento della produzione della R-D6 da parte di potenziali clienti, Callum ha sempre dichiarato che la concept era stata progettata per rimanere tale. E ora che è arrivata la piccola SUV E-Pace ad accontentare tutti i clienti che cercavano una Jaguar pratica e compatta, chissà se vedremo mai una berlina con il Giaguaro sul cofano.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Jaguar , auto inglesi


Top