dalla Home

Attualità

pubblicato il 10 novembre 2017

Dossier Viaggiare d’inverno, speciale pneumatici invernali

Pneumatici invernali e catene a bordo, si avvicina l'obbligo

Il punto su legge e ordinanze per le dotazioni invernali

Pneumatici invernali e catene a bordo, si avvicina l'obbligo
Galleria fotografica - I pneumatici invernaliGalleria fotografica - I pneumatici invernali
  • I pneumatici invernali 007 - anteprima 1
  • I pneumatici invernali 006 - anteprima 2
  • I pneumatici invernali 010 - anteprima 3
  • I pneumatici invernali 004 - anteprima 4
  • I pneumatici invernali 005 - anteprima 5
  • I pneumatici invernali 003 - anteprima 6

Il 15 novembre si avvicina sempre più e con lui l’inizio dell’obbligo di viaggiare con dotazioni invernali, vale a dire con catene da neve a bordo o gomme invernali montate (meglio se su tutte e 4 le ruote). Un obbligo che non riguarda l’intera rete stradale italiana, ma solo parte di essa. Nel caso in cui si dovesse venir pizzicati sprovvisti di catene o pneumatici si incorrerà in sanzioni: 41 per la circolazione in centri abitati e 84 al di fuori, fino a un massimo di 318 euro. Si rischia inoltre il fermo del veicolo e la decurtazione di 5 punti della patente. Per evitare spiacevoli inconvenienti ci sono elenchi di tutte le ordinanze sia sul sito dell’ANAS sia su www.pneumaticisottocontrollo.it, dove è presente una sezione specifica con tutte le ordinanze divise sia per province e comuni, sia per regioni. Il sito è in costante aggiornamento e assieme alle nuove ordinanze sono online ancora quelle relative alla stagione 2016/2017.

Cosa dice la legge

Una volta studiata a memoria la lista di tutte le strade interessate, è bene ricordare cosa dice esattamente la legge: “Che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”. Secondo il legislatore quindi che si tratti di catene da neve, pneumatici invernali o M+S è praticamente la stessa cosa. All’atto pratico però non è così, sia per quanto riguarda i costi, sia per quanto riguarda le prestazioni.

C'è gomma e gomma

Come ci ha mostrato Giuliano nel suo speciale, le gomme invernali sono i sistemi migliori, a patto che vengano montati su tutte e 4 le ruote. Per riconoscerli basta controllare che sulla spalla sia riportato il disegno di un fiocco di neve all’interno di una montagna a 3 picchi. Grazie alla speciale mescola rendono al meglio alle basse temperature e permettono di disporre di 2 treni di gomme, uno invernale e uno estivo, permettendo così di dimezzare il consumo. Differenti sono le gomme definite All season (o 4 stagioni), meno specialistiche e performanti rispetto alle termiche. Evitano di dover andare dal gommista per montare un nuovo treno di gomme, ma il loro vantaggio sostanzialmente si esaurisce qui. Per riconoscerle bisogna cercare la sigla M+S (Mud and Snow, fango e neve) riportata sulla spalla. Inutile poi parlare delle catene da neve, da tenere sempre a bordo se si sceglie di non montare pneumatici specifici. Scegliere di affidarsi unicamente a loro è rischioso, oltre che scomodo.

Il piano antineve

Per la stagione 2017/2018 Società Autostrade metterà in campo 5.244 persone, alle quali si aggiungono 1.726 operatori messi a disposizione dalla Polizia Stradale. Sulla rete autostradale ci saranno 990 lame spazzaneve affiancati da 176 spargitori di sale e 217 mezzi combinati per lo spargimento di cloruri e sgombero neve.

Autore:

Tag: Attualità , pneumatici , pneumatici invernali


Top