dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 novembre 2017

Dossier Ecomondo 2017

Urb-e 4.0, l'ultimo prototipo di ENEA va a idrogeno

Una mini car che utilizza celle a combustibile e bombole di idrogeno può semplificare l'utilizzo di questa tecnologia

Urb-e 4.0, l'ultimo prototipo di ENEA va a idrogeno
Galleria fotografica - Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogenoGalleria fotografica - Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno
  • Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno - anteprima 1
  • Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno - anteprima 2
  • Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno - anteprima 3
  • Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno - anteprima 4
  • Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno - anteprima 5
  • Urb-e 4.0, il prototipo di ENEA che va a idrogeno - anteprima 6

Si chiama Urb-e 4.0 ed è l’ultima evoluzione di un progetto dell’ENEA per la mobilità elettrica presentato a Ecomondo. L’ultimo step di un processo in ordine di tempo che ha visto Urb-e evolvere da ibrido a benzina a elettrico puro con batterie al piombo, elettrico con batterie al litio e ora "ibrido" con fuel cell a idrogeno. Il funzionamento di questo prototipo/laboratorio si basa su una batteria che viene ricaricata durante la sosta da una mini cella a combustibile di 1kW di potenza, a sua volta alimentata da due bombole di idrogeno da 10 litri ciascuna. Durante le soste la cella a combustibile ricarica le batterie in meno di 4 ore. Una volta esaurite le bombole di idrogeno queste possono essere interamente sostituite con altre due piene.

Non più soste al distributore

Questo sistema, denominato tecnicamente ibrido, poiché sfrutta le celle a combustibile per produrre energia, presenta il doppio vantaggio di poter utilizzare la trazione elettrica anche in assenza di punti di ricarica e, nello stesso tempo, svincolare il guidatore dal rifornimento di idrogeno al distributore, decisamente più costoso, dato che le bombole possono essere sostituite per intero come già avviene, per esempio, negli Stati Uniti con i muletti per la movimentazione dei pallet.

4 euro per 140 km

Il prototipo presentato da ENEA, pensato esclusivamente per l’utilizzo urbano, è capace di una velocità massima di 80 km/h e ha un’autonomia di circa 70 km utilizzando l’idrogeno delle due bombole (circa 0,3 kg). Ricaricando l’auto alla rete l’autonomia sale a 100 km, questo grazie anche all’utilizzo dei super condensatori che consentono di avere un pacco batterie relativamente piccolo e sfruttare la ricarica in frenata. Immaginando una prima ricarica della batteria alla rete (circa un euro per 60 km) e aggiungendo, a questa, il costo dei 0,3 kg di idrogeno (9,50 euro al kg), circa 3 euro, 140 km con Urb-e 4.0 costerebbero, più o meno 4 euro.

Autore:

Tag: Curiosità , auto elettrica , celle a combustibile , idrogeno , mobilità sostenibile


Top