dalla Home

Mercato

pubblicato il 9 novembre 2017

Noleggio auto, l'offerta di B-Rent prende sempre più piede

In tre anni il giro d’affari è aumentato del 230% e l'obiettivo dei prossimi 15 mesi è raggiungere i 2.000 contratti

Noleggio auto, l'offerta di B-Rent prende sempre più piede

Il mercato del noleggio auto a breve termine (qui 15 dritte anti "fregatura") e a lungo termine (per anni) è sempre più competitivo, in termini di servizi che si moltiplicano. In un simile contesto, si fa largo un’azienda con sede a Napoli, B-Rent, che dal 2011 in Italia si muove in due direzioni: da una parte vuole consolidare l’offerta di noleggio a breve termine attraverso tour operator, agenzie di viaggi e intermediari, rafforzando il rapporto diretto con la clientela consumer (i privati) e offrendo a quella aziendale un network capillare distribuito su tutto il territorio nazionale; dall’altra, mira a un’apertura significativa ai servizi di noleggio a lungo termine per aziende, partite IVA e privati. B-Rent è guidata dal fondatore Vincenzo Brasiello, il cui gruppo è attivo nel settore dell’autoriparazione. La “ricetta partenopea” per il noleggio auto a breve e a lungo termine è stata appena presentata al World Travel Market, fiera-evento internazionale di riferimento per il settore del turismo che si è tenuta dal 6 all’8 novembre a Londra.

Una realtà in crescita

La base di partenza è valida: negli ultimi 3 anni B-Rent ha registrato un incremento del giro d’affari del 230% che la porterà a chiudere il 2017 con 6,8 milioni di euro di fatturato e a porsi, sostiene la società, come alternativa made in Italy ai tradizionali player multinazionali del settore. Rosee anche le previsioni per i prossimi 3 anni per i quali si stima una crescita del business del 620%. “In un mercato del rent-a-car sempre più orientato alla ‘guerra sui prezzi’, i punti di forza della nostra offerta - spiega Maurizio Corvino, direttore commerciale di B-Rent - sono servizi flessibili e modulabili sulla base delle reali esigenze di mobilità del cliente, con pacchetti che vanno da un giorno a oltre i 3 anni, e una flotta che può contare anche su furgoni, moto, veicoli luxury, ibridi ed elettrici”. Insomma, un noleggio tagliato su misura, come un vestito di sartoria. Ovviamente, come per tutti i noleggi, ci sono anche gli aspetti critici, in particolare per quanto riguarda le penalità e le franchigie: vedi qui.

Quali obiettivi

L’offerta dell’azienda si è arricchita da quest’anno di uno specifico team commerciale focalizzato sull’offerta di noleggio long term che ha riscontrato, dice l’azienda, un forte interesse di piccole e medie imprese e partite IVA del territorio spesso spinte verso la locazione dai crescenti costi di gestione (su tutti i premi assicurativi) del bene auto. Obiettivo dei prossimi 15 mesi è raggiungere i 2.000 contratti. B-Rent ha approntato un piano di attività che avrà come principale obiettivo il rafforzamento del rapporto con la clientela consumer e con quella corporate. Entro fine anno, sarà online un nuovo portale. Verrà lanciato un servizio di web check-in, accedendo al quale l’utente prenoterà la vettura da noleggiare, ricevendo indicazioni anche sul relativo numero di targa e, al momento del ritiro, potrà prelevarla evitando code al desk.

Lungo tutto il Paese

Oggi B-Rent è presente, fra l’altro, nelle stazioni ferroviarie di Napoli, Milano, Roma Termini e Salerno e presso gli hub aeroportuali di Capodichino, Milano Malpensa, Milano Linate e Olbia. Obiettivo dei prossimi 15 mesi è la copertura dell’intera tratta dell’alta velocità, da Firenze a Verona passando per Bologna e Venezia e l’ingresso negli aeroporti di Fiumicino, Orio al Serio, Torino, Catania e Venezia. Nei prossimi mesi, si avrà un rafforzamento della flotta e della presenza nei centri nevralgici per l’offerta turistica e business del nostro Paese, con le nuove aperture di punti vendita nelle principali stazioni e aeroporti nazionali.

Autore: Redazione

Tag: Mercato , flotte aziendali , noleggio


Top