dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 31 ottobre 2017

Dossier Salone di Tokyo 2017

Salone di Tokyo, la Mitsubishi e-Evolution ci insegna a guidare

Il Concept dei Tre Diamanti è dotato di intelligenza artificiale in grado di imparare e trasferire all'autista

Salone di Tokyo, la Mitsubishi e-Evolution ci insegna a guidare
Galleria fotografica - Mitsubishi e-Evolution COnceptGalleria fotografica - Mitsubishi e-Evolution COncept
  • Mitsubishi e-Evolution Concept - anteprima 1
  • Mitsubishi e-Evolution Concept - anteprima 2
  • Mitsubishi e-Evolution Concept - anteprima 3
  • Mitsubishi e-Evolution Concept - anteprima 4
  • Mitsubishi e-Evolution Concept - anteprima 5
  • Mitsubishi e-Evolution Concept - anteprima 6

Ancora SUV, ancora elettrici, ma sopratutto ancora concept al Tokyo Motor Show 2017. Questa volta è il turno di Mitsubishi Motors che presenta il suo e-Evolution Concept lo Sport Utility Vehicle che sotto lo slogan "Drive Your Ambiton" getta le basi per quelli che saranno i piani dei tre Diamanti per il prossimo futuro e che integra mobilità elettrica e connettività senza perdere di vista le tradizioni di sportività e robustezza. Non a caso, il claim che sintetizza il nuovo corso del design Mitsubishi è "Robust & ingegnous". Nel caso specifico almeno dal punto di vista del design si è provato a unire la versatilità del 4x4 con le performance di una berlina.

Design elettrico

Il design frontale dell'e-Evolution Concept è una riproposizione del dynamic shield. Il "finto" radiatore tradisce la natura elettrica del veicolo nascondendo sotto un calandra di vetro le telecamere e sensori. Le grandi prese d'aria sono, invece, situate sotto i proiettori e servono a raffreddare le pinze freno elettriche, oltre a funzionare come dispositivi aerodinamici. La propulsione elettrica influisce anche sul design del parabrezza eccezionalmente inclinato. Il lato "Robust" è enfatizzato dall'altezza dal suolo, dagli pneumatici larghi ai quattro angoli della carrozzeria e dalle linee corte degli sbalzi e dalle barre sul tetto. Il Pajero è citato nel posteriore dove la coda esagonale ricorda la ruota di scorta dell’iconico fuoristrada.

Un abitacolo futuribile

L’abitacolo dell’e-Evolution Concept è la dimostrazione di dove si potrà spingere il design d'interni quando non deve fare i conti con i paletti messi dagli organi meccanici della propulsione termica. Il suo pannello strumenti, dunque, sembra galleggiare di fronte al conducente. da buon veicolo Mitsubishi adotta lo stile "verticale". Tutte le informazioni relative al viaggio sono idealmente proiettate sulla strada mentre le funzionalità sono sistemate nella parte inferiore sul grande schermo piatto che si estende per tutta la larghezza del veicolo, affiancato da due schermi più piccoli che funzionano da specchi retrovisori.

Tre motori elettrici

Mitsubishi e-Evolution Concept utilizza tre motori elettrici ad alta potenza alimentati da un sistema di batterie ad alta capacità sistemato sotto il veicolo, contribuendo anche ad abbassare il baricentro del veicolo. Il sistema 4WD utilizza un unico motore per le ruote anteriori, integrato da un nuovo sistema di controllo ausiliario che unisce i due motori posteriori attraverso un ripartitore elettronico di coppia. Tutto questo è integrato nel sistema di controllo dinamico del veicolo Super All-Wheel (S-AWC). In questo modo sono migliorate sia le prestazioni in curva sia la fase di trazione. i freni sono azionati da un pinza elettrica al posto della tradizionale idraulica che gestisce anche la trazione e gli slittamenti come differenziali autobloccanti.

Intelligenza artificiale

Il cervello del Mitsubishi e-Evolution Concept è costituito da un sistema di intelligenza artificiale che mira ad aumentare le abilità del conducente. Una serie di sensori consente al sistema AI di leggere istantaneamente le modifiche delle condizioni stradali e del traffico, oltre a che il comportamento di chi è alla guida coordinando le intenzioni del pilota con l’ambiente. In questo modo l'esperienza di guida è portata a un nuovo livello. Una speciale funzione di coaching, inoltre, consente al sistema AI di trasferire le conoscenze al driver e di migliorarne le capacità di guida. Dopo aver costruito un modello del livello di abilità del conducente, il sistema costruisce un programma di allenamento che fornisce consulenza tramite il dialogo vocale e immagini sul display del cruscotto.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Mitsubishi , tokyo , car design , auto giapponesi


Top