dalla Home

Curiosità

pubblicato il 30 ottobre 2017

All’asta la BMW Z8 di Steve Jobs, con tanto di Motorola

Il prezzo stimato è di 300-400mila dollari, ma non c’è un limite per le offerte

All’asta la BMW Z8 di Steve Jobs, con tanto di Motorola
Galleria fotografica - La BMW Z8 di Steve JobsGalleria fotografica - La BMW Z8 di Steve Jobs
  • La BMW Z8 di Steve Jobs - anteprima 1
  • La BMW Z8 di Steve Jobs - anteprima 2
  • La BMW Z8 di Steve Jobs - anteprima 3
  • La BMW Z8 di Steve Jobs - anteprima 4
  • La BMW Z8 di Steve Jobs - anteprima 5
  • La BMW Z8 di Steve Jobs - anteprima 6

Quando si parla di design minimal è inevitabile pensare a Steve Jobs, che è riuscito a fare la fortuna di Apple anche grazie alla sua cura maniacale per i dettagli estetici (per lui bisognava togliere tutto il superfluo per arrivare all'essenza, basti pensare all'iPod per cui chiese di abolire anche i bottoni). La BMW Z8 del 2000 che gli è appartenuta è una prova di questo suo gusto. Le linee sono essenziali tanto quanto curate, sia all’esterno che all’interno, e ci sono accorgimenti tecnici avanzati per l’epoca, come il telaio in alluminio, l’ABS con CBC per il controllo della frenata anche in curva, il controllo dinamico della stabilità DSCIII, l’antipattinamento in accelerazione con controllo della trazione ASC+T ed il controllo dinamico della frenata DBC. Questo esemplare tanto prezioso, grazie soprattutto al suo proprietario, va all’asta a New York il 6 dicembre con un prezzo stimato tra i 300 e i 400mila dollari, ma non c’è limite alle offerte e il ricavato potrebbe essere molto di più.

Perché la BMW Z8 piaceva a Steve Jobs

Quando Steve Jobs comprava qualcosa ci pensava per giorni, addirittura per anni (come nel caso di una lavatrice, che aspettò a comprare per lungo tempo in quanto prima si studiò tutti i libretti delle istruzioni per capire quale fosse la “migliore”). A proposito di auto gli piacevano le tedesche, sia BMW che Mercedes. Nel caso di questa Z8, con motore a 8 cilindri a V da 4,9 litri e cambio manuale a sei rapporti, si dice che gli venne suggerita da Larry Ellison, cofondatore e CTO della Oracle Corporation, una delle più grandi software house del mondo, di cui è stato anche CEO fino al 2014. Jobs la comprò nel 2000 e la tenne per circa tre anni, vendendola poi all’attuale proprietario.

Gli incredibili accessori

Quello che colpisce di più di questa BMW Z8 appartenuta a Steve Jobs, oltre al fatto che è conservata in perfette condizioni, è la serie di accessori di cui è dotata. In particolare è interessante il telefono a conchiglia firmato BMW e Motorola che non piaceva a Jobs. Di serie c’era l’hard-top e poi nel lotto sono compresi il copriauto, il manuale, le due chiavi e il lettore CD.

Autore:

Tag: Curiosità , Bmw , VIP


Top