dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 27 ottobre 2017

Opel Astra GSi, la sportiva per chi non vuole esagerare

Dotata di un motore da circa 230 CV, sarà più accattivante e reattiva ma senza colpi di testa: resterà sfruttabile nel traffico

Opel Astra GSi, la sportiva per chi non vuole esagerare
Galleria fotografica - Opel Astra GSi, il renderingGalleria fotografica - Opel Astra GSi, il rendering
  • Opel Astra GSi, il rendering - anteprima 1
  • Opel Astra GSi, il rendering - anteprima 2
  • Opel Astra GSi, il rendering - anteprima 3
  • Opel Astra GSi, il rendering - anteprima 4
  • Opel Astra GSi, il rendering - anteprima 5
  • Opel Astra GSi, il rendering - anteprima 6

Chi ha meno di 20 anni non sarà rimasto particolarmente colpito dal ritorno della sigla GSi, che da metà anni ’80 alla metà del decennio successivo è stata utilizzata su alcune fra le Opel più sportive. Gli appassionati con qualche primavera in più hanno accolto la notizia senz’altro con più entusiasmo: le Kadett GSi e Astra GSi sono ricordate come due fra le migliori berline ad alte prestazioni dell’epoca, grazie al prezzo di listino non particolarmente impegnativo e ai brillanti motori da 130 CV (poi diventati 157) e 168 CV. La stessa ricetta verrà seguita anche per l’Astra oggi nei concessionari, in vendita fra pochi mesi nella versione GSi, che al pari delle antenate non sarà troppo costosa, avrà costi di gestione facilmente gestibile e non sarà rabbiosa come la futura OPC.

E’ più cattiva ma non “spaventa”

L’Asta GSi dovrebbe arrivare il prossimo anno ma noi abbiamo già provato a ricostruirne l’aspetto, basandoci sugli esemplari di prova apparsi su strada e sulla più grande Insignia Grand Sport GSi, il modello che ha riportato in auge l’allestimento dopo circa 20 anni di oblio. La GSi sarà un modello più appariscente delle normali Opel Astra ma senza eccessi, come dimostra il nostro rendering, in cui troviamo prese d’aria maggiorate sul fascione anteriore, la mascherina con finitura ad effetto tridimensionale, cerchi in lega più generosi e l’assetto ribassato, che farà apparire la berlina più “acquattata” sulle ruote e allo stesso tempo più filante. Non ci saranno però dettagli vistosi come i passaruota allargati o un paraurti ancor più vicino a terra (con una più spiccata funzione aerodinamica), perché l’Astra GSi sarà un modello da guidare tutti i giorni e non per la pista.

230 CV possono bastare

Lo stesso approccio estremo-ma-non-troppo si ritroverà anche al momento di leggere la scheda tecnica, più succosa rispetto alle Astra già in vendita ma non ricca come sulla futura Astra OPC, che avrà una potenza nell’ordine dei 300 CV e dotazioni per migliorare il comportamento di guida. Il motore che dovrebbe trovar posto nel cofano dell’Astra GSi sarà molto probabilmente il 1.6 turbo a benzina, accreditato di una potenza nell’ordine dei 230 CV, a sufficienza per rendere l’auto brillante ma non troppi per farla diventare troppo costosa e impegnativa. A questo obiettivo concorrerà la trasmissione automatica a 6 rapporti, non affilata come altri cambi senza frizione ma adatta anche alla guida in città. La Opel Astra GSi dovrebbe esordire a marzo 2018 e arrivare nei concessionari poco dopo.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Opel , auto europee , rendering


Top