dalla Home

Eventi

pubblicato il 26 ottobre 2017

Dossier Auto e Moto d'Epoca 2017

Volvo celebra la sua storica wagon ad Auto e Moto d’Epoca 2017

Diversi i modelli della Casa svedese al Salone di Padova. C'è anche la sua prima station: la Duett del 1957

Galleria fotografica - Volvo ad Auto e Moto d'Epoca 2017Galleria fotografica - Volvo ad Auto e Moto d'Epoca 2017
  • Volvo ad Auto e Moto d\'Epoca 2017 - anteprima 1
  • Volvo ad Auto e Moto d\'Epoca 2017 - anteprima 2
  • Volvo ad Auto e Moto d\'Epoca 2017 - anteprima 3
  • Volvo ad Auto e Moto d\'Epoca 2017 - anteprima 4
  • Volvo ad Auto e Moto d\'Epoca 2017 - anteprima 5
  • Volvo ad Auto e Moto d\'Epoca 2017 - anteprima 6

Anche Volvo è presente ad Auto e Moto d'Epoca 2017: celebra 90 anni di vita portando al Salone di Padova le sue auto più belle. Spicca anzitutto la Duett, del 1957, un furgoncino, di fatto la prima station wagon della Casa svedese. Il nome intendeva trasmettere l'idea di riunire due vetture in una: fu la prima macchina concepita per soddisfare al contempo le esigenze del tempo libero e quelle lavorative. La Duett è presto diventata una delle auto più amate di sempre. È stato uno dei primi modelli Volvo a essere esportati negli Stati Uniti e il suo ruolo di icona di stile è stato immortalato nel 1997, quando la Svezia le ha dedicato un francobollo.

La piccola del dopoguerra: PV444

Ma ad Auto e Moto d'Epoca 2017 del Salone di Padova, brilla anche la PV444, il simbolo della nuova Volvo dopo la seconda guerra mondiale: nata nel 1944, segna l'inizio di un'epoca e dell'impulso alle esportazioni verso gli Stati Uniti. Lanciata in occasione di un'esposizione presso la Royal Tennis Hall di Stoccolma, la PV444 fu la prima Volvo di piccole dimensioni e con carrozzeria monoscocca. Il motore a quattro cilindri di 1,4 litri era di concezione nuova ed era la prima unità con valvole in testa sviluppata dalla Casa svedese per un'auto. Grazie alla PV444, Volvo conquistò il suo mercato d'esportazione storicamente più importante: gli Stati Uniti: 200.000 le unità di questo modello prodotte fino al 1958.

Modelli non da meno

Altre vetture Volvo di analoga importanza storica ad Auto e Moto d'Epoca 2017 sono quelle che si misero in evidenza nei rally. In evidenza a Padova una replica della gloriosa PV544 (versione aggiornata della PV444) che nel '65 vinse con i fratelli indiani Joginder e Jaswant Singh il Rally Safari (la massacrante prova del Mondiale Rally che si svolgeva sulle impossibili piste del Kenya). Attenzione: la PV544 è stata la prima vettura di serie a montare le cinture di sicurezza a tre punti di ancoraggio (inventate dall'ingegnere di Volvo Nils Bohlin nel 1959). Invece, la P180, icona dello stile Volvo, venne resa celebre dalla serie televisiva Il Santo, protagonista Roger Moore nei panni di Simon Templar: era mossa da un 4 cilindri di 1.986 cc in grado di erogare 124-135 CV, con freni a disco sulle quattro ruote e l'iniezione elettronica. Dalla P1800 fu derivata la variante la ES, conosciuta come shooting brake: una SW sportiva.

Da ieri al futuro

Però ad Auto e Moto d'Epoca 2017 del Salone di Padova c'è anche la modernità: significativa l'esposizione di una Volvo XC60 T8 e una V90 T8 ibride a ricarica nell'ambito della speciale rassegna dedicata alle tecnologie del futuro che si tiene all'interno del Salone. Basti dire che, a partire dal 2019, ogni nuova Volvo che verrà lanciata sarà elettrificata (con ibride ed elettriche); l'obiettivo del Costruttore di proprietà dei cinesi di Geely è avere per il 2025 un milione di auto Volvo elettrificate nel mondo.

Autore: Redazione

Tag: Eventi , Volvo , auto europee , auto storiche , saloni dell'auto


Top