dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 25 ottobre 2017

Dossier Salone di Tokyo 2017

Mazda Kai Concept, il futuro passa da qui

Kodo design evoluto e motori Skyactiv-X per il prototipo che anticipa le prossime giapponesi

Galleria fotografica - Mazda Kai ConceptGalleria fotografica - Mazda Kai Concept
  • Mazda Kai Concept - anteprima 1
  • Mazda Kai Concept - anteprima 2
  • Mazda Kai Concept - anteprima 3
  • Mazda Kai Concept - anteprima 5
  • Mazda Kai Concept - anteprima 6
  • Mazda Kai Concept - anteprima 7

Insieme alla Vision Coupe Concept, Mazda porta al Salone di Tokyo 2017 la Kai Concept, lo studio di una berlina a due volumi che influenzerà lo stile e la tecnologia delle auto che vedremo su strada nei prossimi anni e che prefigura la nuova generazione della Mazda3, attesa per il 2019. La Casa giapponese non ha diramato dettagli o specifiche tecniche ma è certo che sotto il cofano della Kai trova spazio la nuova generazione di propulsori a benzina Skyactiv-X (vi spieghiamo qui perché sono una rivoluzione), mentre l'evoluzione del design, all'insegna della pulizia delle linee ma allo stesso tempo della sportività, farà scuola per lo stile dei modelli a venire. E, promettono i designer giapponesi, con poche modifiche.

Fuori i muscoli

Sulla Kai Concept si ritrovano tutti gli elementi stilistici delle ultime Mazda ma in questo caso la filosofia del Kodo design è stata ulteriormente affinata nella ricercatezza di una sportività che si sposi anche con l'eleganza e la pulizia generale delle linee. La grande calandra frontale sembra quasi sfiorare l'asfalto e ora ingloba i sottili e aggressivi proiettori a LED. Lateralmente, le superfici della carrozzeria sembrano quasi tese e tirate: nessuna nervatura, la sportività di Mazda passa per la semplicità delle forme e la giusta proporzione dei volumi. Dietro, poi, torna il fanale circolare, questa volta sdoppiato, che già ora caratterizza alcuni modelli del costruttore giapponese, tra tutti la MX-5.

Pulita fuori, pulita dentro

L'impostazione del cockpit e della plancia della Kai è quanto più minimale possibile, focalizzata sul piacere di guida che, in Mazda, sintetizzano con l'espressione Jinba Ittai. Il tutto, però, senza sembrare "troppo" da concept: il volante, per esempio, è praticamente identico a quello che le Mazda montano tutt'ora. Dietro di questo, tre strumenti circolari dall'impostazione sportiveggiante, così come la corta leva del cambio posizionata sul tunnel centrale che divide in due l'abitacolo.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Mazda , auto giapponesi , tokyo


Top