dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 28 marzo 2008

Geely GT Concept

In anteprima al Salone di Beijing 2008

Geely GT Concept
Galleria fotografica - Geely GT ConceptGalleria fotografica - Geely GT Concept
  • Geely GT Concept - anteprima 1
  • Geely GT Concept - anteprima 2

Filante, sportiva e sinuosa come una Maserati Granturismo, proporzionata come una Ferrari 612 Scaglietti. Da queste ultime due riprende il tipico linguaggio formale della grandiosa coupé all'italiana, con il frontale imponente e la coda compatta con uno sbalzo ridotto. "Musona", infine, come una Maybach Exelero. Apparentemente, insomma, non le si può negare un giudizio positivo.

Purtroppo, ancora una volta, tocca osservare che se, da un lato, l'Estremo Oriente riesce a creare automobili a prima vista degne di essere catalogate come affascinanti, a una più attenta analisi si scopre che le influenze occidentali finiscono per essere determinanti nella creazione dello stile.

E' evidente, nella Geely GT Concept che sarà presentata al Salone di Beijing di aprile, il desiderio della Cina di emergere anche nel campo del design automobilistico e, comunque, di rafforzare la propria immagine automobilistica, culturalmente contaminata (ma non si può certo parlare di "triste destino") dalle proverbiali scarse attenzioni alla qualità da parte del sistema industriale cinese. Che se, da un lato, eccelle per resa quantitativa, dall'altro produce inevitabili storture sui mercati. E tutto ciò con la chiara e radicata "impressione" di trascurare deliberatamente un settore, quello dell'automobile, che sulla qualità del prodotto fonda tutte le sue ragioni di successo. E che eleva senza dubbio i costruttori occidentali a livelli molto difficilmente raggiungibili da un costruttore cinese. Almeno nel medio termine.

Vale, dunque, il risultato, o il modo in cui questo è stato ottenuto? E' solo un esercizio di stile o la Geely GT (che "osa" definirsi Granturismo) è un'auto che rompe con gli schemi usuali della produzione e propone un prodotto qualitativamente elevato?
Per gli irriducibili e gli inflessibili non ci sono scuse, per i modernisti, forse, bisogna guardare avanti. Forse la verità sta nel mezzo ma la componente passionale ha certamente il suo peso.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Prototipi e Concept , dall'estero


Top