dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 marzo 2008

All'asta le ultime MG XPower SV

Solo 13 gli esemplari della supercar che ha chiuso l'epoca inglese di MG

All'asta le ultime MG XPower SV
Galleria fotografica - MG XPOWER SVGalleria fotografica - MG XPOWER SV
  • Mg X Power SV - anteprima 1
  • Mg X Power SV - anteprima 2
  • Mg X Power SV - anteprima 3
  • Mg X Power SV - anteprima 4
  • Mg X Power SV - anteprima 5

E' ormai un fatto noto che la gloriosa industria automobilistica inglese attraversi un periodo di crisi di identità. Molti Marchi inglesi che vantano un passato illustre come Rolls Royce, Bentley o Aston Martin sono passati in tutto o in gran parte nelle mani di proprietari che risiedono al di fuori dei confini del Regno e proprio di poche ore fa è la notizia della cessione di Jaguar e Land Rover agli indiani di Tata.

La stessa sorte toccò alla MG-Rover, quando in seguito alla bancarotta del 2005 venne acquisita dal gruppo cinese Nanjing Automobile e fu smantellato il suo ramo sportivo MG Sport & Racing Ltd, che si trova tuttora in liquidazione e ha messo all'asta gli ultimi 13 esemplari in suo possesso dell'ultima supercar prodotta: la MG XPower SV, di cui vi parlammo nell'ormai lontano 2004.

La coupé XPower SV, presentata alla stampa al Salone di Birmingham nel 2002, fu l'ultimo rantolo del periodo inglese di MG, ma la sua genesi affonda le radici anche in Italia. Veniva infatti prodotta nella fabbrica di Modena della Vaccari & Bosi e fu disegnata da Peter Stevens, già autore di veri miti come la McLaren F1 e la Jaguar XJR-15, oltre che dei restyiling di Lotus Elan ed Esprit e dell'aerodinamica delle Subaru Impreza WRC degli anni '90.

Il designer inglese la creò, con la collaborazione dell'ingegnere Giordano Casarini, con una scocca in carbonio (prodotta dalla OPAC di Torino) sulla base della Qvale Mangusta, quando la Qvale Modena - una joint-venture fallita prematuramente fra l'importatore americano Bruce Qvale e l'indimenticato Alejandro De Tomaso, che voleva lanciare negli States la sua De Tomaso Biguà - venne acquisita nel 2003 dal gruppo MG-Rover.

Dopo la versione SV "base", spinta da un V8 Ford 4.6 litri da 320 CV, arrivò poco dopo anche una variante più esasperata, la MG XPower SV-R con cilindrata maggiorata a 5.0 litri, a cui sarebbe dovuta seguire la versione SV-S, equipaggiata ancora con il V8 4.6 derivato dalla Mustang, ma dotata di turbocompressore e motore rivisto dal tuner Roush, che però non arrivò mai sul mercato a causa della crisi finanziaria che ormai era in pieno corso.

Dei 64 esemplari prodotti della MG XPower SV ne restano solo 13 di proprietà della MG Sport & Racing Ltd ed andranno al migliore offerente attraverso un'asta a cui è possibile partecipare visitando il sito del liquidatore Wyles Hardy & Co. Fra queste ci sono anche le due uniche SV-S che sono state costruite, esemplari che sono finiti su EVO Magazine e Top Gear, e vetture dimostrative provenienti dai concessionari.

Autore:

Tag: Curiosità , Mg , aste


Top