dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 27 marzo 2008

Poliziotti aggrediti durante i controlli

L'alcol è tra le cause che innescano la violenza, ed è allarme

Poliziotti aggrediti durante i controlli

Tra i fenomeni legati alla sicurezza stradale compare anche quello poco conosciuto della violenza nei confronti di Operatori di Polizia. Si tratta di un aspetto della vita professionale delle Forze dell'Ordine impegnate nella sorveglianza stradale che a volte passa in secondo piano, ma che in realtà ha dimensioni considerevoli. Secondo i dati raccolti dall'ASAPS, nel corso del 2007 gli episodi di aggressione fisica legati ai controlli su strada sono stati ben 868.

In realtà il dato rappresenta soltanto la punta di un iceberg molto più grande. Per esempio nel 2004 le persone denunciate per violenza o resistenza a Pubblico Ufficiale sono state 25.800, mentre quelle condannate meno della metà (10.928).

Volendo classificare gli eventi del 2007 in relazione alla Forza di Polizia oggetto di aggressione durante un controllo su strada, il quadro che appare è questo: Polizia di Stato 359 aggressioni (corrispondenti al 41,4% delle violenze totali), Carabinieri 377 episodi (43,4%), forze di Polizia Locale 150 eventi (17,3%) e guardie private 99 casi (11,4%).

Tra le cause è stata monitorata la stretta correlazione all'uso di alcol e di armi proprie o improprie. In particolare, nel 55,9% dei casi la violenza è stata innescata dall'alcol (485 aggressioni su 868). Il 19,5% degli attacchi (169) è stato invece sferrato mediante l'uso di un'arma propria o impropria, considerando tale ogni mezzo in grado di amplificare la forza fisica, come anche la stessa automobile lanciata contro un agente ad alta velocità. Da segnalare poi che 362 eventi (41,7%) hanno come protagonista uno straniero.

Geograficamente, la maggior parte degli episodi avviene al Nord con 477 eventi (55%), mentre nel Mezzogiorno e nel Centro del paese si osservano rispettivamente 197 (22,7%) e 194 episodi (22.3%). "È nostra opinione che questa particolare violenza registrata al nord sia legata al fatto che proprio al settentrione ci sia un maggior abuso di alcol ed i controlli della circolazione stradale siano più intensi e severi, come dimostrano le rilevazioni per il prelievo dei punti dalla patente", ha detto il presidente dell'ASAPS, Giordano Biserni. "In ogni caso non si tratta certo di semplici infortuni sul lavoro, ma del risultato di una degenerazione dei valori e di un crescente rancore verso chi interviene in difesa dei più deboli e della legalità".

Autore:

Tag: Attualità , incidenti , sicurezza stradale


Top