dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 marzo 2008

GM vara una joint-venture in Uzbekistan

UzAvtoSanoat diventa General Motors e punterà sul marchio Chevrolet

GM vara una joint-venture in Uzbekistan

A causa dell'occidentalizzazione dei mercati e del basso costo del lavoro, il baricentro della produzione automobilistica mondiale è destinato a spostarsi sempre più a Est. Anche General Motors investe sui paesi dell'ex URSS con una joint-venture in Uzbekistan insieme alla locale UzAvtoSanoat che prenderà il nome di General Motors Uzbekistan.

L'importanza dell'operazione è testimoniata dal presidente ed AD del colosso americano Rick Wagoner: "Come previsto dalla nostra strategia di sviluppo, negli ultimi anni il gruppo GM ha lavorato in modo deciso per acquisire la leadership nei mercati mondiali in più rapida crescita. Siamo convinti che General Motors Uzbekistan darà un forte contributo alla crescita ed allo sviluppo dell'industria e dell'economia nazionali e che la nuova joint venture contribuirà al continuo sviluppo di GM e di Chevrolet nell'Europa Centrale ed Orientale".

L'economia nazionale di questa repubblica popolata da circa 27 milioni di persone è infatti cresciuta nell'ultimo quinquenno del 7% annuo, un dato che si riflette sulla vendita di veicoli nuovi, che nel 2007 con 70.500 immatricolazioni ha raggiunto un +7,5 % rispetto all'anno precedente.

UzAvtoSanoat, che già assembla alcuni modelli Daewoo, avrà la maggioranza del pacchetto azionario della nuova joint venture General Motors Uzbekistan, mentre GM controllerà il 25% delle azioni più una ed avrà la possibilità di aumentare in futuro la sua partecipazione nell'impresa uzbeca. L'accordo prevede la produzione e la vendita di autovetture e SUV con marchio Chevrolet attraverso una rete di oltre 60 concessionari nazionali.

I modelli Captiva, Epica e Tacuma sono già assemblati nello stabilimento di Asaka, nella provincia di Andijan, a 350 chilometri dalla capitale uzbeca: ad essi si aggiungerà entro la fine dell'anno anche Chevrolet Lacetti. Altri modelli Chevrolet seguiranno nei prossimi anni, sfruttando un potenziale produttivo che a pieno regime sarà in grado di sfornare 250.000 veicoli all'anno, alcuni dei quali verranno esportati anche nei paesi vicini.

Autore:

Tag: Mercato , Chevrolet , produzione , dall'estero


Top