dalla Home

Attualità

pubblicato il 9 ottobre 2017

Renault investe sulle reti elettriche intelligenti

La nuova filiale Renault Energy Services si occuperà di mobilità elettrica, smart grid e riutilizzo delle batterie

Renault investe sulle reti elettriche intelligenti
Galleria fotografica - Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della MasoneGalleria fotografica - Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone
  • Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone - anteprima 1
  • Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone - anteprima 2
  • Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone - anteprima 3
  • Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone - anteprima 4
  • Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone - anteprima 5
  • Renault Zoe Z.E. 40 nel labirinto della Masone - anteprima 6

Non contenta di guidare la corsa dei Costruttori europei verso la diffusione dell'auto elettrica la Renault lancia oggi una sua nuova filiale chiamata Renault Energy Services che si occupa sia di mobilità elettrica che di reti elettriche intelligenti, le cosiddette "smart grid". In pratica l'obiettivo di questa nuova realtà della Casa francese è quello di sviluppare e predisporre le infrastrutture di ricarica che rappresentano il prossimo elemento chiave delle auto a batteria. Gli elementi chiave dell'attività di Renault Energy Services sono infatti la ricarica intelligente "smartcharging", le interazioni tra veicolo e rete elettrica (vehicle to grid) e i progetti relativi al riutilizzo delle batterie.

Come ha detto Gilles Normand, direttore del veicolo elettrico di Renault, il lancio della nuova filiale serve sia a potenziare la leadership elettrica del gruppo in Europa che ad "accelerare il cambiamento di scala di questa industria". La Casa francese ci ricorda che le reti elettriche intelligenti sono quelle che favoriscono la circolazione di informazioni per adattare il flusso di energia in tempo reale e rendere più efficace la gestione della rete; un esempio di smartcharging è quello in cui la rete modula la ricarica in base alla produzione e al fabbisogno degli utenti, con in più la capacità di ricevere elettricità dai veicoli durante i picchi di consumo. Una volta finita la loro vita automobilistica le batterie possono poi essere utilizzate per lo stoccaggio di energia stazionario destinato a case, uffici e pure ai punti di ricarica per auto elettriche.

Autore:

Tag: Attualità , Renault , auto elettrica , auto europee , infrastrutture


Top