dalla Home

Test

pubblicato il 23 ottobre 2017

Dossier OmniAuto.it Garage Hyundai Ioniq

Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie

Tre auto con tre listini semplici caratterizzati da dotazioni di serie molto ricche e pochissimi accessori a richiesta

Galleria fotografica - Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serieGalleria fotografica - Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie
  • Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie - anteprima 1
  • Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie - anteprima 2
  • Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie - anteprima 3
  • Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie - anteprima 4
  • Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie - anteprima 5
  • Hyundai Ioniq, pochi optional e tanto di serie - anteprima 6

Scegliere un'auto non è un'operazione poi così semplice dopo marca e modello e relative motorizzazioni viene il momento di decidere il livello di equipaggiamento con i relativi, e meglio conosciuti, optional. Un passaggio reso spesso complicato dalla molteplicità di combinazioni possibili che, oltretutto rendono, poco chiaro il prezzo finale. Hyundai sui suoi modelli e in particolare su questa Ioniq ha risolto il problema fornendo tutto o quasi di serie. Indipendentemente dal livello di elettrificazione. Buona parte degli accessori che possono essere richiesti si legano, infatti, direttamente ai tre allestimenti disponibili a listino: Classic, Comfort e Style e, tranne in poche eccezioni, non si possono avere separatamente.

Prezzo chiaro e listino semplice

Un bel vantaggio in fase di scelta visto che non ci si deve scervellare in combinazioni e soprattutto si ha una indicazione chiara di quanto ci verrà a costare la nostra Hyundai Ioniq. Tutto ciò si lega ad una dotazione di partenza di per se già molto completa sopratutto per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida che già dall’entry level, Classic, includono frenata automatica, il sistema di mantenimento della corsia e lo Smart Cruise Control, a questi si aggiunge il controllo della pressione pneumatici, sensori posteriori e retrocamera. Non sono invece di serie i fari bi-xeno, previsti dall’allestimento Comfort in poi. Il navigatore è di serie sulla Style e a pagamento su Classic e Comfort, in questo caso compreso in un pacchetto Plus che offre anche i sensori di pioggia, la ricarica wireless per lo smartphone e gli specchietti elettrici ripiegabili.

Di serie anche 5 anni di garanzia 

Gli unici veri optional si può dire siano i sedili in pelle e il tetto elettrico, visto che non sono presenti di serie in nessun livello di equipaggiamento e si possono avere a richiesta solo sulla Style. Insomma, più che parlare di alcuni optional in particolare per quanto riguarda la Ioniq il discorso si sposta sulla loro disponibilità e sulla semplicità del listino che, offrendo tre livelli di equipaggiamento già ricchi, ma praticante bloccati rende molto semplice orientarsi. Ma non è tutto le dotazioni della Ionic riservano ancora due sorprese e riguardano le garanzie sono 5, infatti, gli anni a chilometraggio illimitato per cui l'elettrificata di casa Hyundai è garantita che si affiancano agli 8 sulle batterie di cui tutti e tre i modelli sono dotati. In fondo anche questi potrebbero essere considerati un "optional" ed è per questo che forse sono di serie.

Scheda Versione

Hyundai Ioniq Plug-in
Nome
Ioniq Plug-in
Anno
2017
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
plugin
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Hyundai , auto coreane , auto elettrica , auto ibride


Top