dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 26 marzo 2008

Grande Fratello, cattivo maestro?

I ragazzi del GF: "bacchettati" per le loro dichiarazioni sulla sicurezza stradale

Grande Fratello, cattivo maestro?

Al Grande Fratello "prendano le distanze dalle dichiarazioni di concorrenti che sembrano non tenere in alcuna considerazione la sicurezza stradale ed anzi ridicolizzano i controlli e gli autovelox". Con queste parole l'associazione BastaUnAttimo, impegnata nella campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera, si è rivolta a Mediaset e alla conduttrice del reality Alessia Marcuzzi, "che in qualche modo rappresenta la trasmissione".

"Vantarsi in una trasmissione seguita da moltissimi giovani di correre con l'auto e di fregarsene degli autovelox non è assolutamente accettabile", si legge nella nota. "Persone che pur sapendo di essere seguiti da milioni di telespettatori si permettono di fare uscite del genere di sicuro non aiutano la causa che stanno portando avanti numerose associazioni ed istituzioni. In questi momenti purtroppo un reality show rischia di arrivare a livelli bassissimi di qualità e gli autori dovrebbero intervenire. Ci aspettiamo un chiarimento da parte della trasmissione. Ogni giorno muoiono sulle strade moltissimi giovani e non solo, e queste frasi dette da protagonisti seguiti da un pubblico vastissimo non le accettiamo, sono un insulto".

E' così che, dopo questo accorato appello, il Grande Fratello ha "bacchettato" i ragazzi nella Casa recapitando loro in diretta tv una comunicazione in cui gli autori e la conduttrice del programma hanno preso le distanze dalle dichiarazioni andate in onda. Non solo, gli inquilini della Casa di Cinecittà sono stati invitati anche a riflettere sul fatto che "ogni anno l'Italia conta un bilancio di oltre 5 mila vittime di incidenti stradali, 20 mila disabili gravi, 300 mila feriti".

Non va dimenticato che "il fenomeno coinvolge soprattutto i giovani: gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per i ragazzi tra i 15 ed i 29 anni. Le cause più frequenti che hanno portato agli incidenti sono la velocità e la disattenzione, soprattutto dovuta ad abuso di alcool. A tale proposito, uno dei punti qualificanti del Codice etico per la sicurezza stradale è la figura del guidatore designato: la persona che si assume la responsabilità del gruppo di amici e che per una sera non berrà bevande alcoliche, per poter guidare l'auto in sicurezza al rientro e riportare la sua comitiva a casa".

Autore:

Tag: Attualità , cinema , VIP , sicurezza stradale


Top