dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 6 ottobre 2017

Tesla Model Y, il crossover per chi non lo vuole maxi

Simile per dimensioni alla berlina Model 3, avrà una base costruttiva dedicata e linee ispirate alla Model X

Tesla Model Y, il crossover per chi non lo vuole maxi
Galleria fotografica - Tesla Model Y, il renderingGalleria fotografica - Tesla Model Y, il rendering
  • Tesla Model Y, il rendering - anteprima 1
  • Tesla Model Y, il rendering - anteprima 2
  • Tesla Model Y, il rendering - anteprima 3
  • Tesla Model Y, il rendering - anteprima 4
  • Tesla Model Y, il rendering - anteprima 5
  • Tesla Model Y, il rendering - anteprima 6

Elon Musk è solito fissare scadenze ottimistiche ai suoi progetti, con l’obiettivo di spronare sé stesso ed i suoi collaboratori per raggiungerle. Non sempre però la strategia dà buoni risultati: ad oggi è difficile pensare che la Tesla possa raggiungere l’obiettivo delle 500.000 vetture costruite nel 2018, fissato da Musk a maggio dell’anno scorso, quando in tutto il 2016 l’azienda californiana ha realizzato “solo” 83.922 vetture e nel 2017 dovrebbe avvicinarsi (o superare) quota 100.000. Oltrepassare l’ambizioso traguardo è solo questione di tempo per la Tesla, che deve ancora mandare a regime la produzione della berlina media Model 3 e sta aspettando il crossover medio Model Y, che anticipiamo oggi attraverso una ricostruzione grafica in esclusiva.

Una Model X in scala ridotta?

Una prima fotografia della Tesla Model Y è stata mostrata dall’imprenditore nel corso dell’ultima assemblea annuale con gli azionisti. L’auto è stata tenuta volutamente nell’ombra, ma è bastato ciò per scatenare le indiscrezioni e dar fiato alle ipotesi. Noi abbiamo raccolto quelle più attendibili e provato ad immaginare l’aspetto dell’auto, che dovrebbe ispirarsi al più grande crossover Model X, a partire dalla forma a mezzaluna del tetto fino alle luci anteriori allungate verso il parabrezza. Musk ha confermato la presenza delle iconiche portiere posteriori apribili verso l’alto, le Falcon Door, che potrebbero avere maniglie arretrate e non collegate a quelle anteriori come sulla Model X. La Tesla Model Y riprenderà il fascione anteriore “sigillato” visto sulla Model E e avrà un posteriore molto sodo e raccolto, che renderà più accattivante la vista di profilo.

La meccanica di base sarà dedicata

Nessuno finora ha parlato delle dimensioni, ma è possibile immaginare una lunghezza di 4,70/4,80 metri. Logica vuole che la Tesla Model Y abbia ingombri esterni simili alla Model 3, nel solco di quanto avviene con le più grandi Model S e Model X, realizzate su meccaniche di base molto simili e separate fra loro di 6 cm. In realtà il costruttore di Mountain View produrrà la Model Y su una piattaforma specifica e quindi non condivisa con la Model E, studiata in parallelo a una grande novità per l'alimentazione di bordo: Musk ha anticipato che l'auto non avrà una batteria dedicata ai sistemi di bordo e sarà priva di molti collegamenti interni, a vantaggio dei pesi e della facilità di produzione. Il crossover sarà disponibile con batterie di vari “tagli” e adotterà i sistemi di assistenza alla guida visti sulla berlina. La Model Y dovrebbe arrivare nel 2019 o 2020 e farà crescere con decisione le vendite della Tesla, secondo quanto ha dichiarato Musk, che si aspetta richieste superiori anche alla Model 3.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Tesla Motors , rendering , auto elettrica , auto americane


Top