dalla Home

Curiosità

pubblicato il 5 ottobre 2017

Nuova Volkswagen Golf, nella realtà virtuale esiste già

Grazie al Virtual Engineering Lab gli ingegneri di Wolfsburg creano l’ottava generazione della mitica compatta

Nuova Volkswagen Golf, nella realtà virtuale esiste già
Galleria fotografica - Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova GolfGalleria fotografica - Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf
  • Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf - anteprima 1
  • Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf - anteprima 2
  • Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf - anteprima 3
  • Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf - anteprima 4
  • Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf - anteprima 5
  • Virtual Engineering Lab Volkswagen, qui nasce la nuova Golf - anteprima 6

La nuova generazione della Volkswagen Golf, l'ottava, arriverà solo tra un paio d'anni circa, ma a Wolfsburg gli ingegneri VW sono già entrati nel suo abitacolo, l'hanno portata in giro per assolate strade urbane e ne stanno testando la qualità. E senza uscire alla luce del sole, perché il tutto avviene nel padiglione 70, una sorta di Area 51 di Wolfsburg, grazie al Virtual Engineering Lab Volkswagen, la realtà virtuale del colosso tedesco. Una tecnologia nata nel reparto ricerca e sviluppo e fondamentale per ottimizzare i processi di creazione di un nuovo modello, sia dal punto di vista economico sia da quello di tempistiche, senza dover ricorrere a costosi mockup.

La realtà è virtuale

Come fossero Neo e Morpheus in Matrix, Frank Ostermann and Mathias Möhring, tecnici VW, analizzano ogni aspetto della nuova Volkswagen Golf virtuale, grazie a speciali occhiali per la realtà virtuale collegati a diversi computer. Computer che analizzano dati reali e li restituiscono a chiunque indossi i visori. Immensi flussi di informazioni via cavo grazie ai quali Ostermann e Möhring, ad esempio, possono simulare il funzionamento dell'impianto di climatizzazione. L'ottava generazione della Golf è la prima auto a nascere grazie al Virtual Engineering Lab, e a lei seguiranno tanti altri modelli marchiati VW.

Rivoluzione digitale

Un progetto quasi fantascientifico che non si ferma qui: il futuro del Virtual Engineering Lab firmato Volkswagen infatti punta a dare la possibilità di toccare modelli virtuali. Per questo è nata una collaborazione con l'Università di Stanford, basata sull'utilizzo di speciali sensori aptici. Una tecnologia che potrebbe portare benefici non solo in termini di progettazione, ma anche per l'esperienza utente. Tra un paio d'anni infatti, chiunque vorrà vedere la nuova Volkswagen Golf, potrebbe semplicemente indossare occhialini e guanti e fare un tour virtuale dell'auto, scegliendo il colore della carrozzeria e gli optional che si preferiscono.

Autore:

Tag: Curiosità , Volkswagen , auto europee


Top