dalla Home

Test

pubblicato il 5 ottobre 2017

Hyundai i30 N, sportiva per tutti i giorni

Sobria e poco appariscente, ha un 2.0 da 250 CV o 275 CV e un caratterino niente male. Peccato per lo sterzo

Galleria fotografica - Hyundai i30 NGalleria fotografica - Hyundai i30 N
  • Hyundai i30 N - anteprima 1
  • Hyundai i30 N - anteprima 2
  • Hyundai i30 N - anteprima 3
  • Hyundai i30 N - anteprima 4
  • Hyundai i30 N - anteprima 5
  • Hyundai i30 N - anteprima 6

Magari non finirà sulle guide turistiche, ma da ora in avanti saranno molte le persone a ricordarsi della città coreana di Namyang. Qui la Hyundai ha basato il suo principale centro di ricerca e sviluppo e qui hanno origine le auto della nuova famiglia sportiva N, a partire dalla neonata berlina a cinque porte i30 N, che l’azienda ha sviluppato in pista al Nurburgring (la ripetizione della lettera N non è casuale) per sfidare le Ford Focus ST e Volkswagen Golf GTI.

Com’è

Abituati a berline sportive ricche di appendici aerodinamiche e incattivite oltre i limiti del buon gusto, la “normalità” della i30 N lascia quasi spiazzati: a vederla di sfuggita non sembra infatti un’auto da 250 CV. Gli stilisti hanno optato per un approccio molto conservativo e lavorato senza esagerazioni sulla carrozzeria, ribassando l’assetto di 4 o 7 mm, allargando gli archi passaruota (i cerchi ora sono da 18 o 19 pollici) e giocando con alcuni particolari a contrasto: le pinze freno sono rosse, ad esempio, lo stesso colore che si ritrova nel profilo sui fascioni anteriori e posteriori. A contrasto sono anche le bandelle laterali e il guscio degli specchietti, entrambi in nero lucido. Non mancano però alcune rifiniture ispirate al mondo delle corse, a partire dallo scarico posteriore sdoppiato e alla luce di stop triangolare integrata nel piccolo alettone alla sommità del lunotto. L’interno ricalca lo stesso approccio scelto per la carrozzeria e appare molto sobrio, nonostante gli occhi vengano subito catturati dai sedili meglio profilati (in tessuto e scamosciato o pelle), dalle finiture di colore blu e dalla strumentazione specifica. Il volante, di tipo sportivo, ospita due manettini sulle razze per gestire le cinque modalità di guida: quelle a sinistra sono più "blande", quelle a destra più adrenaliniche.

Come va

Il manettino a destra controlla la modalità di guida più estrema (chiamata N) e quella personalizzabile (Custom), ovvero quelle che trasformano la Hyundai i30N da pacata berlina sportiva a oggetto del desiderio per tutti gli amanti delle prestazioni. La cinque porte invita ad andare forte ma allo stesso tempo perdona gli eccessi di confidenza, in particolare quando si scelgono i cerchi da 19 pollici (su pneumatici Pirelli P-Zero), che offrono un appoggio senza sbavature in fase di ingresso curva. I freni sono ben modulabili e trasmettono un’impressione di grande sicurezza. La Hyundai, curiosamente, li ha sviluppati in casa e non li ha acquistati da un fornitore esterno (ad esempio la Brembo). L'impianto frenante tiene a bada la potenza del motore senza grossa fatica, nonostante l’auto della nostra prova fosse quella con il motore 2.0 T-GDI potenziato a 275 CV e con il pacchetto Performance, che include accessori come le ruote da 19 pollici, i freni maggiorati, il differenziale elettronico E-LSD e il Variable Exhaust Valve, un sistema per variare la tonalità (sempre molto gradevole) del motore in funzione del tipo di percorso. Il cambio è manuale a 6 rapporti. L’unico particolare che non ci ha convinti è lo sterzo, che risponde ai comandi in maniera non sempre del tutto convincente: o diventa troppo pesante o poco omogeneo.

Curiosità

La dotazione tecnologica della i30 N comprende anche il sistema Rev Matching, che riprende il concetto della doppietta in scalata e migliora così il passaggio da una marcia all’altra quando si rallenta con decisione, rendendolo più fluido: l’elettronica di bordo dà un colpo di acceleratore mentre si scalano le marce e tiene alti i giri del motore. Il Rev Matching si può attivare tramite un pulsante sul volante.

Quanto costa

La Hyundai i30 sarà ordinabile dall'autunno e arriverà nei concessionari entro fine 2017, con un listino che dovrebbe partire da circa 30.000 euro per la versione da 250 CV e oltrepassare i 34.000 euro per quella da 275 CV. I prezzi sono in linea con le concorrenti: la Volkswagen Golf GTI, ad esempio, parte da 34.000 euro.

Scheda

Motorizzazione provata: i30 N Performance Package
Quando arriva: autunno 2017
Quanto costa: nd
Quanti CV ha: 275
Quanto consuma (ciclo combinato): nd
Quanta CO2 emette: nd
0-100 km/h: 6,2 secondi
Garanzia: nd

Autore: Redazione

Tag: Test , Hyundai , auto coreane , nurburgring


Top