dalla Home

Mercato

pubblicato il 25 marzo 2008

Le Alfa Romeo saranno “made in USA”

Marchionne anticipa i piani per riportare il Biscione negli States. E non solo.

Le Alfa Romeo saranno “made in USA”

Del ritorno dell'Alfa Romeo negli Stati Uniti si parla da anni. Da quando cioè, nel lontano 1994, il Gruppo Fiat ne annunciò il ritiro dal mercato d'Oltreoceano. La motivazione ufficiale? Troppi problemi logistici (in proposito vi rimandiamo al nostro approfondimento sul tema).

Sergio Marchionne, amministratore delegato Fiat dal 2004, è riuscito nell'impresa di risanare progressivamente la situazione economica, finanziaria nonché industriale del Gruppo torinese, e tali risultati sono stati consacrati negli ultimi mesi dalle soddisfazioni commerciali ottenute dai nuovi modelli come la Fiat 500.
Le condizioni per guardare avanti, a nuovi progetti e strategie di crescita ci sono tutte. E una di queste, in cima alla lista di priorità del management Fiat è quella di riportare un brand "premium" carico di potenzialità come Alfa Romeo negli States.

Un'intervista rilasciata da Sergio Marchione al Financial Times di ieri, ha rivelato quali sono le opportunità a cui si sta ragionando nei piani alti del Lingotto. C'è innanzitutto l'obiettivo di avviare la produzione di Alfa Romeo direttamente negli Stati Uniti, entro il 2011 o il 2012. Secondo Sergio Marchionne, a causa della forza dell'Euro rispetto al Dollaro, "non si possono realizzare profitti negli Stati Uniti producendo in Europa ed è necessario produrre in loco". Perché ciò sia industrialmente possibile, bisogna trovare un partner americano fra le "big three", Chrysler, Ford e Genaral Motors. E in proposito, Marchionne ha precisato al Financial Times: "il numero delle Case automobilistiche americane è inferiore a quello delle dita di una mano, quindi le conosciamo tutte ed è evidente che ci parliamo ogni tanto su una serie di opzioni". Anche perché, come rilevato dal quotidiano inglese, la riduzione dell'attività di questi Costruttori fa si che molti loro impianti produttivi siano inutilizzati.

Altro passaggio saliente dell'intervista riguarda l'Iveco e la Fiat 500. Marchionne ha infatti detto che il noto Costruttore di veicoli industriali tornerà presto in Nord America, sfruttando la rete della Case New Holland (azienda leader mondiale nella produzione di trattori nell'orbita del Gruppo Fiat). Il Cinquino sarà invece esportato negli States con l'obiettivo di replicare il fenomeno MINI-BMW.

Autore: Redazione

Tag: Mercato , Alfa Romeo


Top