dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 2 ottobre 2017

Dossier Assicurazioni

Rc auto, il salva-classe evita la batosta in caso di incidente

Vi spieghiamo come funziona la clausola che evita i rincari della polizza

Rc auto, il salva-classe evita la batosta in caso di incidente

Uno degli incubi peggiori per chi ha un’auto è l’assicurazione Rca che diventa più cara dopo un incidente. Infatti, si fa molta fatica a conquistare una classe di merito nel sistema bonus-malus: anno dopo anno, piccoli cali tariffari (i bonus) grazie alla guida virtuosa. Poi, tutto d’un tratto, basta un lievissimo tamponamento e scatta immediato e inesorabile il malus: un aumento fortissimo, tale da pregiudicare anche le annualità successive. Una soluzione c’è: pagare l’incidente per salvare la classe di merito. Ma per prevenire il guaio, come fare? Ve lo spieghiamo.

Giocare d’anticipo: che cosa conoscere

#1. Due tabelle. Va anzitutto chiarito che esistono due tabelle di classe di merito. Una è quella universale: dalla classe numero uno alla classe numero 18, con la quattordicesime d’ingresso. È fissa e valida per tutte le compagnie. La seconda tabella parte dalla classe uno, ma può arrivare anche alla classe numero cento: non c’è limite. Ogni compagnia nelle classi interne si regola come crede: è così per legge.

#2. Clausola. Come ha ricordato l’Ivass (authority di vigilanza sul settore assicurativo), oltre alla Rc auto base, ci sono polizze con una clausola particolare che funziona così: viene esclusa ogni penalizzazione economica conseguente al pagamento del primo sinistro (con responsabilità paritaria o principale del conducente) avvenuto durante l’annualità del contratto. Si tratta di una sorta di “perdono” in caso di primo incidente: non scatta il malus sulla classe di merito interna, è come se non fosse successo niente. Mentre la classe di merito universale peggiora.

#3. Evoluzione. Chi stipula quella Rca col “perdono”, col bonus primo sinistro non subisce rincari alla polizza. È ovvio che non devono esserci truffe, ma nei contratti questo viene indicato espressamente: il primo sinistro non viene perdonato se è stato oggetto di segnalazione antifrode e se il pagamento della proposta di rinnovo avviene oltre i 15 giorni dalla scadenza. Il percorso dalla Rca è facile: se causi un incidente, il salva-classe evita la batosta; dal secondo incidente, scatta il normale aumento.

Prezzi, massima libertà

Quanto costa la Rca col “perdono”? I prezzi sono fissati liberamente da ogni singola compagnia: d’altronde, è così dal 1994, anno della liberalizzazione del settore assicurativo auto. Un guidatore virtuoso (in prima classe universale) pagherà una Rca con la clausola salva-classe molto meno rispetto a chi ha già causato sinistri in passato. Allo stesso modo, chi vive in una città meno a rischio incidenti e truffe, deve sborsare somme inferiori rispetto a chi risiede in aree a elevato rischio di sinistri e frodi. Indicativamente, con la clausola, c'è una trentina di euro l'anno di sovrapprezzo sulla Rca base.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni


Top