dalla Home

Test

pubblicato il 30 settembre 2017

Dossier Perchè comprarla - Speciale Nuovo Nissan Qashqai

Nissan Qashqai, perché comprarla... e perché no

Il crossover giapponese offre spazio e tanta praticità con un look rinnovato. Peccato per qualche dettaglio negli interni

Galleria fotografica - Nissan Qashqai, perché comprarla...Galleria fotografica - Nissan Qashqai, perché comprarla...
  • Nissan Qashqai, perché comprarla... - anteprima 1
  • Nissan Qashqai, perché comprarla... - anteprima 2
  • Nissan Qashqai, perché comprarla... - anteprima 3
  • Nissan Qashqai, perché comprarla... - anteprima 4
  • Nissan Qashqai, perché comprarla... - anteprima 5
  • Nissan Qashqai, perché comprarla... - anteprima 6

Sono passati già dieci anni da quando la Nissan Qashqai ha inventato il segmento dei crossover compatti. Nel frattempo di concorrenti ne sono arrivate tante, ma la giapponese resta per molti ancora il sinonimo di SUV cittadino adatto all'uso quotidiano di una famiglia. Giunta alla sua seconda generazione, presentata nel 2014, la Qashqai è stata aggiornata nell'estetica e nei contenuti tecnologici nel 2017 proprio per mantenere alte le vendite e contrastare l'avanzata delle sue avversarie più agguerrite.

Pregi e difetti

Ora il frontale riprende quello della Micra, con le luci diurne a LED a "boomerang", mentre gli esterni possono essere scelti con due nuovi colori. Dentro gli spazi non sono enormi, ci sono concorrenti che fanno meglio, ma la praticità è tanta. Il bagagliaio parte da un minimo di 430 litri, che diventano 860 quando si abbattono i sedili della fila posteriore. Salire e scendere è un gioco da ragazzi complice l'altezza "giusta", né eccessivamente bassa né alta della carrozzeria. Molto buono lo spazio per chi siede dietro, sia in altezza che per le ginocchia, ma chi invece occupa il posto centrale deve fare i conti con una seduta più rigida e, se c'è il tetto panoramico, qualche centimetro in meno per la testa. Gli interni sono stati in parte ridisegnati per aumentare comfort e qualità percepita, per il resto i materiali sono quelli di sempre, cioè morbidi nella parte alta e più rigidi in quella inferiore, ma sempre ben assemblati. Su strada, la Qashqai è come te l'aspetti: il 1.6 a gasolio è sempre pronto, il cambio è ben manovrabile anche se a volte un po' contrastato e lo sterzo è diretto e ben calibrato. Ciliegina sulla torta le sospensioni, che assorbono bene le asperità, e la visibilità buona in ogni direzione. Insomma, comfort e relax sono garantiti sia sulle curve che in autostrada.

Quanto costa

In città, guidando fluidi e con piede leggero, si fanno anche i 12 km/litro, che diventano 17 km/l nell'extraurbano e 16 km/l in autostrada. Parlando dei listini, la Qashqai della nostra prova con il 1.6 dCi diesel da 130 CV abbinato alla trazione integrale e in allestimento Tekna parte da 34.160 euro. Il 4x4, che viene 2.000 euro, non si può avere insieme al cambio automatico, che invece costa 1.500 euro. Chi si accontenta del diesel da 110 CV, comunque più che sufficienti per muovere la Qashqai, risparmierà altri 1.950 euro. Per chi preferisce i motori a benzina, quello da 115 CV, sempre in allestimento Tekna, parte da 28.190 euro, mentre quello da 163 CV costa 30.150 euro.

Scheda Versione

Nissan Qashqai
Nome
Qashqai
Anno
2014 (restyling del 2017)
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi


Top