dalla Home

Motorsport

pubblicato il 20 settembre 2017

Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO, squalo da pista

La pinna sul cofano deriva dai prototipi LMP1 della 24 Ore di Le Mans e dalle monoposto di Formula 1

Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO, squalo da pista
Galleria fotografica - Lamborghini Huracan Super Trofeo EVOGalleria fotografica - Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO
  • Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO - anteprima 1
  • Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO - anteprima 2
  • Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO - anteprima 3
  • Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO - anteprima 4
  • Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO - anteprima 5
  • Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO - anteprima 6

Tre anni fa a Monterey veniva presentata la Lamborghini Huracan Super Trofeo, oggi a Sant’Agata Bolognese ha debuttato la sua evoluzione: la Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO. La parentela però non deve trarre in inganno. La Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO ha un’aerodinamica completamente riprogettata, basta guardare la pinna sul cofano che per la prima volta viene adottata su una Gran Turismo di Lamborghini Squadra Corse. Deriva dai prototipi LMP1 della 24 Ore di Le Mans e dalle monoposto di Formula 1 ed ha lo scopo di migliorare la stabilità dell’auto e la velocità di percorrenza in curva. E poi c'è un'altra differenza importante: la Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO correrà sì in Europa, Asia e Nord America dalla primavera 2018, ma non parteciperà soltanto al trofeo monomarca Lamborghini Super Trofeo; la vedremo anche nel Gran Turismo internazionale, nella categoria GT Cup, e nelle gare di Endurance. Gli appassionati che possono permettersela dovranno sborsare 235.000 euro (tasse escluse), mentre i team che già hanno la Super Trofeo (ne sono stati consegnati in tutto 150 esemplari con 90 unità che hanno gareggiato ogni anno) ora possono acquistare un nuovo boby kit che ne migliora l'aerodinamica, ma il prezzo non è stato comunicato.

Più veloce di 1,5 secondi

E' dalla scorsa primavera che la Super Trofeo EVO è messa alla prova in pista. A Monza ha girato in 1'46''3 ovvero in 1,5 secondi in meno della Super Trofeo. Merito anche delle nuove accortezze aerodinamiche. La presa d’aria sul tetto, ad esempio, ha due funzioni: raffreddare meglio il motore (un V10 aspirato da 5.2 litri e 620 CV) e generare il 3% di coppia in più alla massima velocità (limitata elettronicamente a 280 Km/h). Anche l’anteriore è stato rivisto e al centro del cofano spicca un’inedita presa d’aria esagonale.

La nuova partnership

La livrea è stata disegnata dal Centro Stile Lamborghini e mette in evidenza più che mai le nuove caratteristiche aerodinamiche dell'auto. Il colore di base (Titan Grey) celebra la nuova partnership tra Lamborghini Squadra Corse e Roger Dubuis, il marchio di orologi di lusso e gioielli svizzero fondato da Carlos Dias e Roger Dubuis. "Siamo lieti di condividere i nostri valori con un marchio come Roger Dubuis che guarda al passato come noi, ma anche all'innovazione e alla creazione di prodotti unici che possano emozionare i nostri clienti", ha detto Stefano Domenicali, Presidente e CEO di Automobili Lamborghini.

Per saperne di più e seguire tutti i campionati visitate Motorsport.com.

Autore:

Tag: Motorsport , Lamborghini , formula 1 , le mans


Top