dalla Home

Motorsport

pubblicato il 18 settembre 2017

Ferrari, quello di Singapore è un normale incidente di gara

Lo dicono i commissari FIA che non prendono provvedimenti verso i tre piloti coinvolti

Ferrari, quello di Singapore è un normale incidente di gara

E' finita come ci si aspettava: il collegio dei commissari sportivi del GP di Singapore (Gerd Ennser, Silvia Bellot, Nish Shetty e il nostro Emanuele Pirro) hanno considerato il crash al via della gara sul bagnato come un normale incidente di gara, per cui non ci saranno altri provvedomenti per i tre piloti che sono rimasti coinvolti nella carambola poco dopo lo spegnimento dei semafori. Ecco il provvedimento n. 34 che è stato esposto in bacheca alle 23,36 ore locali. Il pilota che è stato messo sotto investigazione era stato Sebastian Vettel insieme a Max Verstappen e Kimi Raikkonen... "I commissari dopo aver esaminato le prove video e sentiti Sebastian Vettel, il conduttore della monoposto numero 5, Kimi Raikkonen, conduttore della monoposto numero 7, Max Verstappen, conduttore della monoposto numeroa 33 e i rappresentanti del team".

"Il pilota della vettura 7 ha avuto un ottimo avvio e ha potuto tentare di superare la vettura 33 dal lato sinistro. Allo stesso tempo, la vettura 5 che ha avuto un inizio più lento, si è spostata verso il lato sinistro della pista, quindi la monoposto 33 e la monoposto 7 si sono scontrate, con conseguente collisione a catena che successivamente hanno coinvolto la vettura 5 e infine la monoposto 14 (Fernando Alonso) alla curva successiva. Le vetture 7, 5 e 33 dovevano ritirarsi immediatamente a causa dell'incidente, e la vettura 14 si è ritirata pochi giri dopo. I commissari considerano che nessun pilota è risultato essere stato interamente o prevalentemente colpevole per l'incidente al via e non verrà preso nessun altro provvedimento".

Tutti gli approfondimenti su motorsport.com

Autore:

Tag: Motorsport , Ferrari , auto italiane , formula 1 , gare


Top