dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 13 settembre 2017

Salone di Francoforte: Mercedes GLC F-Cell, l'idrogeno con l’aiutino

Il motore elettrico è alimentato da celle a combustibile o da normali batterie per 50 km di autonomia in più

Salone di Francoforte: Mercedes GLC F-Cell, l'idrogeno con l’aiutino
Galleria fotografica - Mercedes GLC F-CellGalleria fotografica - Mercedes GLC F-Cell
  • Mercedes GLC F-Cell - anteprima 1
  • Mercedes GLC F-Cell - anteprima 2
  • Mercedes GLC F-Cell - anteprima 3
  • Mercedes GLC F-Cell - anteprima 4
  • Mercedes GLC F-Cell - anteprima 5
  • Mercedes GLC F-Cell - anteprima 6

Dal 2010 ad oggi i tecnici della Mercedes sono riusciti ad aumentare la potenza del 40%, diminuire di quasi un terzo gli ingombri del sistema e ridurre del 90% l’uso di platino nella cella di combustibile. In questi sette anni però non è aumentato allo stesso ritmo il numero di stazioni per il rifornimento, che restano molto poche in tutto il mondo, frenando così la diffusione delle auto a celle di combustibile. La situazione d’impasse ha portato il costruttore tedesco a sviluppare una soluzione alternativa per la GLC F-Cell, il nuovo modello a idrogeno mostrato in anteprima al Salone di Francoforte: il motore elettrico può essere alimentato o dalle celle di combustibile oppure da una normale batteria, così da far aumentare le percorrenze (o migliorare lo scatto) quando le riserve di idrogeno sono in esaurimento.

50 chilometri di riserva per le emergenze

La GLC F-Cell mostrata nel corso della rassegna non sarà ordinabile a breve, perché i tecnici devono ancora effettuare test su strada e capire in quale forma renderla disponibile, visto che il presumibile alto costo d’acquisto suggerisce di offrirla a noleggio. La F-Cell è basata sulla normale Mercedes GLC e ne riprende la carrozzeria, a eccezione di alcuni particolari come i fascioni ridisegnati, la mascherina personalizzata con accetti blu e le ruote: misurano 20 pollici ma sono lavorate per migliorare l’aerodinamica. Le novità sono a livello tecnico, perché i tradizionali motori a benzina e gasolio della GLC vengono sostituiti da un motore elettrico, che sviluppa il 40% di potenza in più rispetto all’ultima Mercedes a idrogeno (la Classe B Fuel Cell del 2010): eroga 200 CV e permette al SUV di raggiungere la velocità massima autolimitata di 160 km/h, a fronte però di un’autonomia pari a 437 chilometri con alimentazione a idrogeno e di 49 a batterie.

Rifornimenti veloci come quelli normali

Il sistema è più compatto del 30% rispetto alla Classe B Fuel Cell, secondo le informazioni pubblicate dal costruttore, che parla inoltre di appena 3 minuti per il rifornimento dei 4,4 chili di idrogeno e di 90 minuti per il “pieno” della batteria (da 13,8 kWh). Il motore della GLC F-Cell può essere alimentato dalle pile oppure attraverso le celle di combustibile, soluzione comune alle auto a idrogeno che sfrutta un procedimento chimico per ottenere energia dalla reazione fra idrogeno e ossigeno. iI guidatore può selezionare la modalità di guida fra le quattro previste: ci sono quella per viaggiare solo a batterie (Battery), quella per ricaricare le batterie (Charge), quella per viaggiare solo a idrogeno (F-Cell) e quella che combina i due tipi di alimentazione (Hybrid), che sfrutta le batterie quando si richiede tutta la potenza.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Mercedes-Benz , celle a combustibile , auto europee , auto elettrica , francoforte , idrogeno


Top