dalla Home

Tecnica

pubblicato il 17 marzo 2008

Nissan Navara ci riprova

Al secondo Crash Test il pick up giapponese ottiene 3 stelle

Nissan Navara ci riprova
Galleria fotografica - Secondo Crash Test Nissan NavaraGalleria fotografica - Secondo Crash Test Nissan Navara
  • Secondo Crash Test Nissan Navara - anteprima 1
  • Secondo Crash Test Nissan Navara - anteprima 2
  • Secondo Crash Test Nissan Navara - anteprima 3

Circa due settimane fa un problema riguardante il sistema di gestione degli airbag aveva condizionato il primo Crash Test EuroNCAP di Nissan Navara, che aveva ottenuto come risultato appena mezza stella. Immediata la reazione del costruttore, che aveva diramato una nota ufficiale per esprimere, oltre al proprio rammarico, la volontà di risolvere il problema e di risottoporre il pick-up al test. Di seguito i nuovi risultati.

PROTEZIONE PASSEGGERI
Nel secondo test a cui il Nissan Navara è stato sottoposto il verdetto è stato di 3 stelle, un risultato decisamente migliore del primo. Sono comunque rimaste alcune lacune che EuroNCAP individua nella protezione della zona del petto e degli arti inferiori del guidatore, dovuti alle strutture della plancia e della zona della pedaliera, che nella prova di impatto frontale si è deformata in maniera potenzialmente pericolosa. Massimo dei punti, invece, nella prova di impatto laterale, come nel primo test.

PROTEZIONE BAMBINI
Navara migliora anche nella protezione dei bambini sotto i 3 anni con 4 stelle in luogo delle precedenti 3, grazie ad un semplice elemento che EuroNCAP considera però molto importante: le etichette di avvertimento sul montaggio dei seggiolini. Sebbene abbia ottenuto ancora il massimo dei punti nella prova di impatto frontale e laterale, i tecnici giapponesi hanno ritenuto opportuno ampliare la traduzione degli avvertimenti in più lingue e ciò è bastato a migliorare di una stella il giudizio dei tecnici europei.

PROTEZIONE PEDONI
Le 2 stelle nella protezione dei pedoni possono essere considerate un buon risultato rispetto ai concorrenti Isuzu Rodeo e Mitsubishi L200 (gli unici pick up finora testati da EuroNCAP) che ne hanno ottenuta solo una. La zona del cofano dove un pedone può battere la testa, cioè fra il cofano e il parabrezza, è stata giudicata poco pericolosa, al contrario delle altre zone del frontale, soprattutto paraurti e parte anteriore, che presentano rischi potenziali in particolare per i bambini.

Autore:

Tag: Tecnica , Nissan , crash test


Top