dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 17 marzo 2008

Stop&Start su tutta la gamma Citroen

E non come optional

Stop&Start su tutta la gamma Citroen
Galleria fotografica - Citroen C2 Stop&Start ad H2romaGalleria fotografica - Citroen C2 Stop&Start ad H2roma
  • Citroen C2 Stop&Start ad H2roma - anteprima 1
  • Citroen C2 Stop&Start ad H2roma - anteprima 2
  • Citroen C2 Stop&Start ad H2roma - anteprima 3
  • Citroen C2 Stop&Start ad H2roma - anteprima 4
  • Citroen C2 Stop&Start ad H2roma - anteprima 5
  • Citroen C2 Stop&Start ad H2roma - anteprima 6

Il sistema Stop&Start attualmente presente su alcuni modelli della gamma Citroen C2 e C3 non è, in fin dei conti, una novità epocale. Quando si cominciavano a studiare, negli anni '90, i primi espedienti per cercare di diminuire le emissioni gassose e, contemporaneamente, "salvare" un po' di carburante, Volkswagen fece un tentativo montando questo dispositivo sulla Golf, ma l'accoglienza da parte del pubblico fu piuttosto fredda e presto venne abbandonato.
Il sistema era semplice: l'auto riconosceva le soste prolungate durante la marcia ed era in grado di spegnere immediatamente il motore tagliando emissioni e consumi. Alla ripartenza, il motore si riavviava nuovamente. Si arrivò a considerare per altro che, nella fase di ri-accensione, le emissioni di sostanze inquinanti erano tali da annullare completamente il vantaggio di lasciare il motore spento per un po' di secondi.

Certamente mille volte più efficiente di allora, oggi l'ausilio di questo accessorio ha cominciato a risultare più "apprezzato" dal mercato (comunque, il suo successo mediatico non è il medesimo di un detersivo o dell'ultima promozione delle compagnie di telefonia cellulare). Per altro, ne è equipaggiata anche la Golf TDI Hybrid concept, presentata al Salone di Ginevra, vanta un valore di emissione di Co2 pari a 89 g/km).

Ebbene, il marchio Citroen crede fermamente nei vantaggi del suo sistema Stop&Start (mediamente, il taglio delle emissioni e dei consumi che si produce, secondo il costruttore, è nell'ordine del 10 - 15%), al punto che presto questo verrà reso disponibile per tutta la gamma delle auto Citroen. Di più: verrà montato come equipaggiamento standard su tutti i veicoli del marchio francese; complessivamente, la Casa conta di installare, entro il 2011, 1 milione di dispositivi, che diventeranno 1,6 milioni entro il 2012.


[Via Autobloggreen.com]

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Anticipazioni , Citroen , mobilità sostenibile , inquinamento


Top