dalla Home

Test

pubblicato il 8 settembre 2017

Renault Alaskan: pick-up sì, ma con classe

La Losanga entra nel segmento dei fuoristrada cassonati con un'auto robusta e dalle grandi prestazioni che non trascura il lato fashion del marchio

Renault Alaskan: pick-up sì, ma con classe
Galleria fotografica - Renault AlaskanGalleria fotografica - Renault Alaskan
  • Renault Alaskan - anteprima 1
  • Renault Alaskan - anteprima 2
  • Renault Alaskan - anteprima 3
  • Renault Alaskan - anteprima 4
  • Renault Alaskan - anteprima 5
  • Renault Alaskan - anteprima 6

In Italia, nel 2016 se ne sono venduti poco meno di 8.500. Quello dei pick-up è un mercato che vale, dunque, relativamente poco e lo stesso si proietta nel panorama europeo. Si tratta, però, di un segmento in cui le Case premono per esserci e anche in maniera convincente. L’ultimo esempio, ma solo in ordine di tempo, è quello di Renault che dopo il Sudamerica sbarca in Europa con l’Alaskan. Si tratta del primo pick-up della Losanga e malgrado l’inevitabile "attinenza" con il parente giapponese dimostra già una sua personalità tutta francese.

Com’è

Come detto, dal punto di vista dello stile Alaskan si presenta con un frontale originale caratterizzato dal cosiddetto French Design che da qualche tempo influenza tutti i veicoli del Gruppo e che si concretizza con la firma luminosa C-Shape. Per il resto il carattere è quello muscoloso che si conviene a un pick-up con l’ampia calandra che incornicia il grande logo e che prosegue fino al gruppo fari, allungato e rialzato in modo da essere al riparo da eventuali urti accidentali. All’interno dell’abitacolo tutto ciò che non ti immagini da un veicolo nato per lavorare. Vero è che abbiamo testato l’allestimento top, ma è vero anche che elementi come i sedili Zero Gravity o l’ergonomia dei comandi sono di serie in tutte le versioni. Detto questo, è chiaro che salendo di livello di equipaggiamento si sale anche di livello di comfort facendo assomigliare gli interni dell’Alaskan sempre di più a quelli di un SUV alto di gamma. D’altronde è un po’ quello che è accaduto nel mercato dove i pick-up, in Europa stanno cominciando a occupare il lato fuoristradistico un po’ più estremo lasciato libero dai SUV che si trasformano sempre più in crossover e multispazio di lusso. Due parole anche per l'aspetto più prosaico dell’Alaskan dato dal grande cassone che può caricare fino a una tonnellata e dalle dimensioni di 2,46 metri quadrati. Imponente anche la capacità di traino di 3,5 tonnellate.

Come va

Mi verrebbe da dire: per essere un veicolo professionale va divinamente, per essere un SUV un po’ meno (divinamente). Scherzi a parte la realtà è che Renault assieme al suo "alleato" è riuscita a trovare la giusta quadra fra le prestazioni che ci si aspettano da un pick-up e il comfort necessario per andare su strada senza stress. La chiave sta soprattutto nelle sospensioni posteriori che abbandonano le balestre per un sistema multibraccio a cinque punti che, pur dando notevoli garanzie in off-road dona stabilità e una certa morbidezza anche su strada. Il dCi da 190 CV che ho provato, abbinato al cambio automatico a sette rapporti, non lascia spazio a interpretazioni, soprattutto in fuoristrada: dalla pietra al fango, non ti abbandona mai. Il resto lo fa il sistema di trasmissione che permette di scegliere fra trazione posteriore, trazione 4x4, e 4x4 con marce ridotte oltre a integrare i sistemi di blocco manuale del differenziale posteriore e controllo automatico della discesa. Nel modalità 4x4 con marce lunghe l'elettronica, fino a 100 km orari e ripartisce la coppia fra anteriore e posteriore a seconda della necessità. Su asfalto, come detto, il comfort è dato soprattutto dal retrotreno non troppo rigido o saltellante anche se oggettivamente il baricentro alto implica qualche attenzione sul misto. Un piccolo appunto va fatto allo sterzo effettivamente un po’ pesante e non sempre precisissimo. Una caratteristica, la prima, che aiuta molto nel fuoristrada, quando si tratta di mantenere dritte le ruote, mentre nel misto stradale affatica un pochino. Tutto sommato controllati i consumi che abbiamo riscontrato intorno agli 8,9 l/100 km di media nell’utilizzo reale della prova.

Curiosità

Più che un curiosità si tratta di una anomalia tutta italiana che vede questi veicoli ancora imbrigliati dall’unica possibilità di essere immatricolati come autocarri. Questo avviene, in Europa, solo nel nostro Paese o meglio solo a noi non è data la possibilità di scegliere, al momento dell’acquisto, la destinazione d’uso del pick-up che resta un veicolo veramente polifunzionale e che quindi può essere utilizzato sia per lavoro, ma anche e soprattutto nel tempo libero anche in famiglia. Speriamo solo che la massiccia offensiva da parte di tutti i marchi in questo segmento attragga l'attenzione del legislatore e qualcosa cambi a breve.

Quanto costa

L’Alaskan parte dai 27.600 più IVA della versione entry level Life con dCi da 160 CV. La configurazione su cui puntano di più in Renault è la Intens da sempre con motore da 160 CV che per 32.100 euro più IVA (più o meno 40mila euro) offre cerchi in lega da 18’’ clima automatico bi-zona, sistema infotainment con navigatore da 7’’ rear camera, easy access system oltre ai sistemi di assistenza alla guida come: cruise control, limitatore di velocità e differenziale posteriore bloccabile.

Scheda

Versione provata: dCi 2.3 190 CV AT7 Executive
Quando arriva: presentazione al pubblico 11 e 12 Novembre 2017
Quanto costa: 37.300 euro più IVA
Quanti CV ha: 190
Quanto consuma (ciclo combinato): 6,9 l/100 km
Quanta CO2 emette: 183 g/km
0-100 km/h: n. d.
Garanzia: 3 anni (100.000 km)

Autore:

Tag: Test , Renault , auto europee


Top