dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 8 settembre 2017

In viaggio con passeggeri senza cintura, la responsabilità è vostra

Se il trasportato non è allacciato, in caso di incidente con lesioni fisiche sono guai per il guidatore

In viaggio con passeggeri senza cintura, la responsabilità è vostra

Il mancato rispetto dell'obbligo di allacciare la cintura di sicurezza è una piaga italiana. È vero inoltre che il problema riguarda in particolare il Sud Italia, ma una recente indagine in quel di Brescia conferma che il fenomeno va a toccare un po' tutto lo Stivale: per fare un esempio, solo nei primi 6 mesi del 2017 sono già state appioppate 908 multe per violazione dell'articolo 172 del Codice della Strada: per il conducente senza cintura, ammenda di 81 euro e taglio di 5 punti-patente (e se in 2 anni il conducente viene beccato 2 volte senza cintura, la patente gli viene sospesa da 15 giorni a 2 mesi). Ma il guidatore in viaggio deve fronteggiare anche altri guai legati al mancato allacciamento della cintura da parte dei passeggeri, in base al Codice Civile e Penale: cerchiamo di capirci di più in basso.

#1. Il piccino. I bambini di statura inferiore a 1,5 metri devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per i piccini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal ministero dei Trasporti (seguendo le direttive comunitarie). Al di là della multa per il guidatore, in caso di sinistro con ferite al piccolo, il conducente viene correttamente ritenuto responsabile delle lesioni fisiche del minore, dal punto di vista civile e penale.

#2. L'adulto. Se è il passeggero adulto che siede davanti o dietro (vedi qui) viene beccato senza cintura, prende una multa di 81 euro. E in caso di incidente in cui il trasportato si ferisce, correte il serio rischio di essere ritenuti responsabili civilmente e penalmente. Lo stabilirà la perizia: il mancato uso della cintura ha peggiorato le ferite del passeggero? Il risarcimento è a carico vostro.

#3. Situazione delicata. Per il vostro bimbo che fa i capricci e non vuole mettersi la cintura, c'è poco da discutere: imponete seggiolino e allacciamento corretto, e la storia finisce lì. Ma se un adulto non vuole indossarla? È una seccatura. Dovete insistere. E controllare che durante il viaggio il trasportato non commetta la sciocchezza di togliersi la cintura di nascosto, approfittando del fatto che siete impegnati alla guida.

Anche per le donne incinte

Ricordiamo che l'obbligo di indossare la cintura vale anche per donne incinte, siano queste guidatrici o passeggere in viaggio nella vostra auto: vedi qui. Innanzi tutto, la parte orizzontale della cintura va posizionata il più in basso possibile. Così, si appoggia sotto la pancia e non esercita pressione sul feto. Il nastro diagonale invece va fatto passare trasversalmente sull'addome, tra i seni, e appoggiato sulla clavicola. Serve buon senso da parte sia del guidatore sia dei passeggeri: le signore in stato di gravidanza sono esentate dall'uso della cintura solo sulla scorta della certificazione rilasciata dal ginecologo.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , codice della strada , sicurezza stradale


Top