dalla Home

Test

pubblicato il 6 settembre 2017

Nuova Volkswagen Polo, per crescere si ispira alla Golf

Più lunga e spaziosa, vuole sentirsi grande anche nelle dotazioni. In vendita da ottobre con prezzi da 13.600 euro

Galleria fotografica - Nuova Volkswagen Polo 2017Galleria fotografica - Nuova Volkswagen Polo 2017
  • Nuova Volkswagen Polo 2017 - anteprima 1
  • Nuova Volkswagen Polo 2017 - anteprima 2
  • Nuova Volkswagen Polo 2017 - anteprima 3
  • Nuova Volkswagen Polo 2017 - anteprima 4
  • Nuova Volkswagen Polo 2017 - anteprima 5
  • Nuova Volkswagen Polo 2017 - anteprima 6

Per alcuni è stato il fratello, per altri un amico e per altri ancora un collega. In realtà non importa chi di preciso, ma almeno una volta nella vita chiunque si è ispirato ad una persona più grande, che lo ha accompagnato in determinate scelte o momenti. Ciò è avvenuto anche per la Volkswagen Polo, rinnovata da cima a fondo con l’arrivo del nuovo modello e ispirata alla più lunga Golf, l’auto più venduta in Europa, a cui si rifà per design, tecnologia e qualità a bordo.

Com’è

La sesta generazione dell’utilitaria tedesca è anche la prima a superare i 4 metri in lunghezza (sono 4,05), per effetto della nuova base meccanica MQB A0, che fa cambiare le proporzioni esterne e rende l’auto molto più abitabile: la Polo è più larga di 7 cm (1,75 metri) e guadagna 5 cm (2,56 metri) fra le ruote anteriori e posteriori. Ciò significa che l’abitacolo diventa più generoso e il bagagliaio raggiunge la capacità di 351 litri, 71 più di prima. Gli amanti dei numeri ricorderanno magari che la terza generazione della Golf aveva misure simili, segno che le berline compatte di una volta sono le utilitarie di oggi, anche per merito di una carrozzeria sobria ma non scontata: i fari anteriori corti e la griglia rialzata fanno sembrare il muso più arrotondato. La Polo, insomma, va bene in tutte le occasioni. Anche per i viaggi, grazie ai numerosi sistemi di sicurezza e assistenza alla guida: di serie per tutte ci sono la frenata automatica di emergenza a basse velocità, il rilevatore di stanchezza del guidatore e il limitatore di velocità, ma in opzione si possono avere il regolatore di velocità adattivo e il monitoraggio degli angoli ciechi. La Polo non cambia però nello schema tecnico di base, che rimane a trazione anteriore e motore trasversale, al pari di tutte le principali avversarie: sono le Citroen C3, Ford Fiesta e Renault Clio.

Come va

La Polo è un modello per tutti, dal giovane neopatentato al padre di famiglia: il suo comportamento su strada dev’essere quindi improntato alla semplicità. Questo però non significa che l’utilitaria tedesca trascuri le sensazioni al volante. La nuova piattaforma MQB A0 si dimostra infatti più rigida e leggera nel paragone con la vecchia Polo e fa lavorare meglio le sospensioni, che assorbono le asperità in maniera più efficace, rendendo l’auto più composta e stabile: le ruote anteriori hanno un bel grip anche nelle curve strette, mentre lo sterzo è diretto al punto giusto e trasmette con grande sincerità quello che avviene sulla strada. A richiesta si possono avere gli ammortizzatori a controllo (regolabili su due posizioni) oppure quelli sportivi fissi, più bassi di 15 millimetri. Il motore che abbiamo messo alla frusta nel nostro primo contatto è il turbodiesel 1.6 TDI da 95 CV, costretto però agli straordinari da un cambio migliorabile: le 5 marce sono lunghe e talvolta bisogna quindi scalare per riprendere velocità. Il motore di per sé ha una risposta fluida e regolare, ma viene tradito dall’insonorizzazione, che non è curata al pari di vetture concorrenti.

Curiosità

La Polo è una delle prime Volkswagen disponibili con piattaforma We by Volkswagen, che lascia intuire quali saranno le forme di connettività digitale annunciate per il prossimo futuro. Il primo servizio disponibile si chiama WePark ed è già attivo a Berlino: il guidatore crea un profilo personalizzato e può pagare in maniera rapida la sosta all’interno di un parcheggio abilitato, senza dover prima fermarsi alla cassa. Applicazioni simili della tecnologia si possono immaginare ad esempio per i distributori.

Quanto costa

Le prime consegne in Italia sono previste ad ottobre, anche se i motori diesel non arriveranno prima di inizio 2018. Il listino parte da 13.600 euro, cifra relativa al benzina aspirato 1.0 MPI da 65 CV in allestimento Trendline, mentre il 1.0 MPI da 75 CV in allestimento Comfortline ha un prezzo di 16.200 euro. il 1.0 TSI turbo è ordinabile nelle varianti da 95 CV e 115 CV rispettivamente a 17.100 euro e 19.750 euro. il 1.0 TGI a metano sarà consegnato entro fine anno con prezzi da 16.600 euro.

Scheda

Motorizzazione provata: Volkswagen Polo 1.6 TDI
Quando arriva: ottobre 2017
Quanto costa: nd
Quanti CV ha: 95
Quanto consuma (ciclo combinato): nd
Quanta CO2 emette: nd
0-100 km/h: nd
Garanzia: nd

 

Scheda Versione

Volkswagen Polo 5 porte
Nome
Polo 5 porte
Anno
2017
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Volkswagen , auto europee


Top