dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 4 settembre 2017

Dossier Concept Dimenticate

Dodge Demon, la mini-Viper che non ha mai "morso"

Doveva essere la rivale diretta della Mazda MX-5 ma è nata nel momento sbagliato

Dodge Demon, la mini-Viper che non ha mai "morso"
Galleria fotografica - Dodge DemonGalleria fotografica - Dodge Demon
  • Dodge Demon - anteprima 1
  • Dodge Demon - anteprima 2
  • Dodge Demon - anteprima 3
  • Dodge Demon - anteprima 4
  • Dodge Demon - anteprima 5
  • Dodge Demon - anteprima 6

Chi ama le auto americane e la loro storia, si ricorda che Dodge ha usato per la prima volta il nome Demon nei primi anni Settanta per la versione "pepata" della Dart. Probabilmente, però, non ricorda che nel 2007, al Salone di Ginevra, la Casa statunitense ha presentato la concept Demon, una roadster a due posti secchi che si posizionava sotto la più potente e conosciuta Viper e che, nei piani dell’azienda, doveva affrontare a muso duro la più celebre "spiderina" del mondo, la Mazda MX-5. Purtroppo le tempistiche, però, non erano quelle giuste, visto che da lì a breve sarebbe terminato il periodo dell’era DaimlerChrysler.

Le premesse c'erano tutte

Che alla messa su strada mancasse poco lo dimostra il fatto che quello esposto a Ginevra era un esemplare perfettamente marciante, di cui si conoscevano tutte le caratteristiche tecniche e meccaniche. Il motore era un quattro cilindri da 2,4 litri aspirato capace di 174 CV e 224 Nm, abbinato ad un cambio manuale a sei rapporti. Se poi consideriamo che la trazione era rigorosamente sull’asse posteriore e che la Demon pesava appena 1.179 kg, allora le carte in regola per vedersela con la Mazda Miata, come la chiamano gli americani, ce le aveva davvero tutte.

Ora resta solo il nome

Con una velocità massima di 210 km/h non si poteva considerare una supercar, ma lo scatto da 0 a 100 km/h in appena 7" era garanzia di parecchio divertimento. Peccato che nessuno abbia mai avuto la possibilità di godere di queste prestazioni su strada, nonostante tutti gli sforzi da parte di Dodge per trovare i fondi per avviare la produzione di serie. Sforzi che, tra le varie cose, hanno anche visto un accordo per lo sviluppo di una piattaforma condivisa con la cinese Chery, che però avrebbe comunque snaturato il progetto iniziale visto che si parlava di trazione anteriore. Insomma, la sorella più piccola della Viper non si è mai fatta, e ora che anche quest’ultima è uscita di produzione, a portare alto il nome e il carattere sportivo di Dodge c’è la Challenger SRT Demon. Il nome, almeno, è sopravvissuto.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Dodge , auto americane


Top