dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 4 settembre 2017

Dossier Multe e Ricorsi

Multe, numeri e giorni giusti per fare ricorso

Per opporsi a un verbale ingiusto, occhio alle date

Multe, numeri e giorni giusti per fare ricorso

Attenti alla doppia beffa della multa ingiusta. Ci riferiamo anzitutto al verbale illegittimo che ricevete a casa (magari per un'infrazione mai commessa), e in secondo luogo al tentativo di ricorso che fallisce per un vostro errore: non avete rispettato le tempistiche imposte dalla legge per opporvi alla contravvenzione. In casi del genere, non si entra nel merito: non si discute neppure se la violazione c'è stata oppure no; semplicemente, per una questione burocratica, dovrete pagare la multa. Proprio per evitare di restare a bocca asciutta, in basso vi forniamo tutte le indicazioni utili a "stare dentro" nei tempi, così da poter discutere se l'infrazione sia avvenuta e se il verbale sia corretto davanti al Giudice di Pace o al Prefetto. Dritte che valgono anche per chi è stato accusato di aver commesso una violazione in viaggio fra giugno e agosto 2017.

Tris di date

#1. Giudice di Pace. Se fate ricorso al Giudice di pace, dovete pagare 43 euro di tassa allo Stato. L'opposizione va presentata presso la cancelleria o tramite raccomandata con avviso di ricevimento entro 30 giorni dalla notifica della multa. Se vincete, la sanzione è annullata e in teoria i 43 euro vengono rimborsati dall'ente accertatore (ma non si sa né come né quando); se perdete, l'ammenda viene in genere confermata.

#2. Da soli. Per il ricorso al Giudice di Pace, se non viene nominato un avvocato, il ricorrente dovrà dichiarare nel ricorso la residenza o l'elezione di domicilio (presso un amico, un parente, il luogo di lavoro) nel Comune dove ha sede il Giudice al quale ci si rivolge. Se non siete residenti nel Comune sede dell'ufficio del Giudice a cui presentare ricorso, e non indicate un domicilio nel territorio del Comune, la cancelleria non effettuerà le comunicazioni relative alla procedura (data dell'udienza, esito del ricorso): dovrete informarvi da voi.

#3. Prefetto. Se fate invece ricorso al Prefetto, avete 60 giorni dalla notifica della multa. Potete fate da voi. È possibile spedire il ricorso al Prefetto o all'autorità che ha elevato la multa, la quale poi sarà a sua volta tenuta a "girarlo" al Prefetto. Contro l'ordinanza ingiunzione di pagamento, potete proporre opposizione entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento al Giudice di Pace del luogo ove è stata commessa la violazione: vedi qui http://www.omniauto.it/magazine/46927/da-sapere- ricorsa-multa-prefetto-giudice-di-pace.

Due punti chiave

Se avete già pagato, non potete più fare ricorso. Non è possibile opporsi solo contro la decurtazione dei punti sulla patente. Ricordate inoltre che la notifica della multa può essere di 2 tipi: con contestazione immediata o differita. Nel primo caso, venite fermati da un agente delle Forze dell'ordine, che vi consegna il verbale in mano; nel secondo, la multa arriva a casa vostra, in qualità di proprietari dell'auto beccata da una telecamera (come un autovelox o un Tutor).

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , multe , patente a punti


Top