dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 1 settembre 2017

Volvo XC40, ecco perché sarà un SUV cittadino

E’ progettato per ridurre lo stress, in particolare in città. Ecco come

Volvo XC40, ecco perché sarà un SUV cittadino
Galleria fotografica - Volvo XC40, anticipazione abitacoloGalleria fotografica - Volvo XC40, anticipazione abitacolo
  • Volvo XC40, anticipazione abitacolo - anteprima 1
  • Volvo XC40, anticipazione abitacolo - anteprima 2
  • Volvo XC40, anticipazione abitacolo - anteprima 3
  • Volvo XC40, anticipazione abitacolo - anteprima 4
  • Volvo XC40, anticipazione abitacolo - anteprima 5
  • Volvo XC40, anticipazione abitacolo - anteprima 6

L’XC40 rappresenta un’importante prima volta per Volvo: mai la Casa svedese si era spinta così in “basso”, alla caccia di nuovi clienti, in un segmento di mercato di importanza strategica fondamentale. Come c’era da aspettarsi, però, lo fa a modo suo, perché se è vero che, come tutti, parla molto di connettività, il punto di partenza è un altro: il benessere e il relax, che passano attraverso un’attenzione elevatissima verso la sicurezza. Il piacere di guida? Per ora, non se ne parla. E una sua logica questa scelta ce l’ha: siccome si tratta di una macchina quasi esclusivamente cittadina (o meglio: è lì che i suoi clienti la utilizzeranno di più), l’obiettivo degli ingegneri svedesi si è focalizzato alla riduzione dello stress e delle potenziali situazioni di pericolo.

Il segreto è la prevenzione

Come? Attraverso il sistema di guida assistita Pilot Assist, l’ultima generazione del City Safety, il dispositivo Run-off Road (riduce le conseguenze in caso di uscita dalla carreggiata), il Cross Traffic Alert con frenata automatica e la telecamera a 360°, aiuto fondamentale nei parcheggi più piccoli. Malin Ekholm, che è il vice presidente del Centro di Sicurezza di Volvo Cars, dice questo: “La vita nelle città moderne pone sfide complesse agli automobilisti, ai ciclisti e agli altri utenti della strada. Con l’XC40 puntiamo a ridurre il cosiddetto carico cognitivo del guidatore. Mentre i nostri sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida individuano e riducono attivamente i conflitti potenziali, il conducente può rilassarsi di più e godersi la guida in città”.

Il meglio dalle sorelle più grandi

Dicevamo prima della connettività. Per l’infotainment, in Volvo non hanno badato a spese (o meglio, hanno ottimizzato ciò che già avevano in casa), sfruttando il sistema Sensus dei SUV più grandi XC60 e XC90. L’impianto si basa sull’ormai noto schermo touch, di grandi dimensioni e posizionato in verticale. Per il resto, la XC40 è la prima Volvo costruita sulla nuova piattaforma CMA, progettata espressamente per le vetture compatte.

Autore:

Tag: Anticipazioni , Volvo , auto europee


Top