dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 marzo 2008

Azione legale contro la F360 Modena Limo

Questa non è una Ferrari

Azione legale contro la F360 Modena Limo
Galleria fotografica - Ferrari 360 Modena LimoGalleria fotografica - Ferrari 360 Modena Limo
  • Ferrari 360 Modena Limo - anteprima 1
  • Ferrari 360 Modena Limo - anteprima 2
  • Ferrari 360 Modena Limo - anteprima 3
  • Ferrari 360 Modena Limo - anteprima 4
  • Ferrari 360 Modena Limo - anteprima 5
  • Ferrari 360 Modena Limo - anteprima 6

Le storture del mercato, si sa, sono molte. La prima e più logica evidenza risiede nel tuning, che oggi ha finito per diventare una pratica consueta. Eppure, quando si tratta di pronunciare il nome Ferrari, la cautela deve essere massima. La casa di Maranello, come nessun'altra gelosa della propria identità, del proprio prestigio e della facilità con cui questo nome può diventare un business, monitora l'ambiente con cura estrema, alla ricerca di chi utilizzi indebitamente il proprio logo o marchio, magari stravolgendone l'immagine e stroncando ogni pratica lesiva del suo immenso valore.
Il principio è chiaro, lampante, semplice, sacrosanto: una Ferrari, per essere una Ferrari, deve essere coerente con sé stessa. In aggiunta, solo il titolare del marchio ha il diritto esclusivo a ricavarne un profitto.

Ecco quindi la coerente motivazione che ha spinto il marchio della Rossa a tirare una sonora frustata contro Dan Cawley di Manchester, reo di aver creato una versione limousine della Ferrari 360 Modena. Nei mesi scorsi sono stati diffusi a macchia d'olio video e foto della preparazione di quello che appare, senza mezzi termini, uno scempio: una povera Ferrari 360 (di proprietà dello stesso Cawley) è stata ignominiosamente segata in due ed è stata inserita, nel passo, una nuova sezione di carrozzeria lunga 3 metri.
Il veicolo così ottenuto ha raggiunto la nuova lunghezza di 6 metri e ora offre abitabilità per 6 persone (che possono accedere ai posti posteriore tramite due enormi porte ad ala di gabbiano ad azionamento elettrico). La velocità massima raggiungibile da questo veicolo è di 166 miglia orarie (267 km/h).

L'ufficio legale di Maranello, di fronte a questo deturpamento, ha così sancito: con questa azione, questa vettura non è più una Ferrari. Ragion per cui, il proprietario ha due settimane di tempo per rimuovere ogni logo e ogni targhetta identificativa.
Un gesto assolutamente doveroso!


[Via Timesonline.com]

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Curiosità , Ferrari , tuning


Top