dalla Home

Attualità

pubblicato il 28 agosto 2017

Bollo auto, si prescrive in 3 anni

Dopo un triennio le Regioni non possono più esigere il pagamento della tassa di proprietà

Bollo auto, si prescrive in 3 anni

Dopo quanti anni si prescrive il bollo auto? A questa domanda ha dato una risposta la Cassazione, con sentenza 20425/2017: 3 anni. Scaduto il triennio, le Regioni non possono più esigere il pagamento della tassa di proprietà della vettura. Una sentenza che rappresenta una sconfitta per le Regioni: queste interpretavano la legge in altro modo, parlando di prescrizione addirittura dopo 10 anni, sulla scorta di una certa giurisprudenza. A questo punto, non resta che vedere se gli enti locali si adegueranno alla decisione degli ermellini, oppure se continueranno a esigere il versamento del bollo anche dopo il triennio.

Conseguenze pratiche

Gli effetti della sentenza della Cassazione sono semplici: se un bollo auto è scaduto da oltre 3 anni (calcolati dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui il pagamento è dovuto), la Regione non ha nessun diritto a esigere quella somma. Il proprietario del veicolo non deve tirare fuori un euro: la teoria della prescrizione decennale avanzata dalle Regioni non viene avallata dalla Cassazione. Valgono invece l’articolo 5, comma 51, del decreto 953/1982 e la sentenza 20425/2017. Pertanto, la cartella esattoriale notificata dopo i 3 anni è illegittima e può essere impugnata presso la Commissione Tributaria Provinciale entro 60 giorni dalla sua notifica.

Attenti all'interruzione

Occhio però: il triennio di prescrizione si interrompe e ricomincia a decorrere in determinati casi. In particolare, quando l’automobilista riceve a casa l’avviso bonario: la Regione avverte il cittadino che, sulla scorte delle verifiche nel proprio database, un vecchio bollo risulta non pagato. C’è la "interruzione" della prescrizione anche con l’iscrizione a ruolo del debito: un atto formale che spesso fa seguito al mancato pagamento del bollo dopo l’avviso bonario. O ci si mette in regola o possono scattare misure coercitive, come le ganasce fiscali, ossia il fermo amministrativo della vettura.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , bollo auto


Top