dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 21 agosto 2017

Dossier Concept Dimenticate

Saab 9X, l'auto sportiva in quattro dimensioni

Pratico e originale, il prototipo del 2001 si può trasformare in coupé, spyder, station e pick up

Saab 9X, l'auto sportiva in quattro dimensioni
Galleria fotografica - Saab 9XGalleria fotografica - Saab 9X
  • Saab 9X - anteprima 1
  • Saab 9X - anteprima 2
  • Saab 9X - anteprima 3
  • Saab 9X - anteprima 4
  • Saab 9X - anteprima 5
  • Saab 9X - anteprima 6

Comprare un’auto e utilizzarne quattro è il sogno di qualsiasi persona. Del resto a chi non piacerebbe raggiungere il posto di lavoro su una famigliare, tornare a casa al volante di una coupé, sfoderare nei weekend una spyder e caricare oggetti voluminosi all’interno di un pick up? La Saab ha lavorato in questa direzione con il prototipo 9X, una sorta di piccola station wagon dalle linee molto pulite che all’occorrenza poteva trasformarsi anche in sportiva, scoperta e mezzo da lavoro, a fronte di una lunghezza relativamente contenuta (poco più di 4,00 metri). Il prototipo risale 2001 e sarebbe dovuto entrare in produzione con modifiche di lieve entità, secondo le testimonianze dell’epoca, ma non abbandonò mai lo stato di esemplare unico.

Senza il tetto è una spyder o un pick up

L’intenzione della casa svedese era di costruire una vettura in quattro dimensioni, polivalente e “multiuso”, facile da personalizzare attraverso parti esterne mobili: il tetto in vetro è composto da una coppia di pannelli amovibili, che si possono stivare nell’abitacolo per non doverli lasciare ogni volta a casa (vanno sistemati “in piedi” contro il retro dei sedili posteriori). La carrozzeria base è del tipo coupé 2+2, complice la ricerca della sportività in particolari come le grandi ruote da 19 pollici, i quattro sedili a guscio e il grosso tunnel centrale nell’abitacolo. La stessa impressione si ritrova nelle fiancate prive di maniglie. Rimuovendo i pannelli in vetro del tetto si trasforma l’auto in spyder, mentre ripiegando i sedili posteriori il bagagliaio raggiunge livelli da station wagon: la lunghezza del vano può raggiungere il metro e 90 cm ripiegando anche il sedile anteriore destro.

Pesa tanto ma è veloce

L’ultima trasformazione della Saab 9X si completa rimuovendo i pannelli del tetto e abbassando la ribaltina posteriore, che allunga di 20 cm la superficie utile di carico: ciò avviene in 5 secondi tramite un pulsante nel cruscotto, fino ad avvicinare la carrozzeria dell’auto ad un vero pick up. A livello tecnico la coupé adotta un motore a benzina V6 turbo da 300 CV e la trazione integrale, che influisce sul peso ma non sulle prestazioni: a dispetto della lunghezza contenuta la 9X pesa circa 1.300 chili, secondo quanto emerso all’epoca, ma l’accelerazione 0-100 km/h viene portata a termine in 5,9 secondi e la velocità massima si attesta a 250 km/h. Il cambio è sequenziale a 6 marce.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Saab , auto europee


Top