dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 21 agosto 2017

Dossier Assicurazioni

Auto non assicurata, cosa deve fare la vittima di un incidente

L'iter burocratico è diverso da quello che si segue di solito. Ecco quali sono i passi

Auto non assicurata, cosa deve fare la vittima di un incidente

In Italia, i veicoli senza Rc auto obbligatoria sono 5 milioni: un dato in costante crescita da anni. Basti pensare che nel 2012 ce n’erano 3,5 milioni. Salgono notevolmente le probabilità di subire senza colpa un incidente da un’auto senza copertura assicurativa, con il responsabile del sinistro che comunque si ferma per constatare i danni. Il guaio per la vittima è che non scatta la veloce procedura di indennizzo diretto, col rimborso effettuato nel giro di un mese dalla propria assicurazione: occorre invece seguire un’altra strada, con una burocrazia molto più pesante e tempi di indennizzo incerti.

Tre passi per la vittima

#1. Fondo garanzia. Se subite senza responsabilità un incidente da un’auto priva di Rca, chiamate le Forze dell’ordine per il verbale di sinistro e raccogliete testimonianze (se possibile): utili anche le foto della scena dell’incidente. Dovete rivolgervi al Fondo di garanzia per le vittime della strada. Amministrato, sotto la vigilanza del ministero dello Sviluppo Economico, dalla Consap, Concessionaria servizi assicurativi pubblici. Avrete l’intero indennizzo, inclusi danni alle cose e lesioni fisiche.

#2. Il link.Cliccate qui e generate il modulo di richiesta di risarcimento. Per farlo, compilate un form con un menu a tendina: specificate l'epoca di accadimento del sinistro, indicate la Regione nella quale si è verificato e il danno subìto. Quindi scaricate il modulo, lo compilate, lo stampate in doppia copia e lo firmate.

#3. Doppio invio. Inviare per raccomandata la prima copia del modulo firmato, con tutti gli allegati, all’impresa designata competente, indicata nel modulo in base alla Regione di accadimento del sinistro. Ricordatevi: la vostra compagnia non c’entra niente; la destinataria della richiesta è l’impresa designata, che cambia in funzione della zona del sinistro. Inviate la seconda copia del modulo firmato e scannerizzato dal richiedente, senza alcun allegato, all'indirizzo pec: richiestedirisarcimento@pec.consap.it. In alternativa è possibile inviare per raccomandata la seconda copia della richiesta di risarcimento, sempre firmata e senza alcun allegato, all'indirizzo di Consap indicato sul modulo di domanda.

Includete tutti i danni

Per ottenere un rimborso equo, nel modulo prestate particolare attenzione alla sezione Danni a cose, fornendo il tipo e la targa dell’eventuale vostro veicolo, gli estremi del proprietario del bene danneggiato, una descrizione sintetica dei danni a cose subiti, l’indirizzo al quale la vettura e le cose possano essere verificati e un riferimento telefonico per fissare la data della visita peritale. In più, occhio alla sezione "danneggiato", presente se siano avvenuti danni a persone, da compilare obbligatoriamente fornendo le generalità e l’indirizzo di residenza di ogni persona con ferite e una descrizione sintetica dei danni fisici.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni , incidenti


Top