dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 17 agosto 2017

Dossier Salone di Tokyo 2017

Mazda RX-9, Nissan 390Z e Toyota Supra (forse) al Salone di Tokyo

Il mito delle supercar giapponesi potrebbe rinascere, a ottobre, non senza sorprese

Mazda RX-9, Nissan 390Z e Toyota Supra (forse) al Salone di Tokyo
Galleria fotografica - mazda rx-9, nissan gripz, toyota supraGalleria fotografica - mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra
  • mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra - anteprima 1
  • mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra - anteprima 2
  • mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra - anteprima 3
  • mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra - anteprima 4
  • mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra - anteprima 5
  • mazda rx-9, nissan gripz, toyota supra - anteprima 6

Nei primi anni Novanta erano l’incubo di Porsche e Ferrari: andavano forte allo stesso modo - se non di più - e costavano circa la metà, Honda NSX esclusa. Erano le giapponesi Mazda RX-7, Nissan 300 ZX e Toyota Supra, oltre alla già citata Honda. E se quest’ultima è già rinata da un pezzo, le altre tre mancano ancora all’appello degli appassionati. Le cose potrebbero però cambiare molto presto, precisamente il 27 ottobre, quando si apriranno le porte del Salone di Tokyo.

Partiamo dalla certezza, che si chiama Toyota Supra e ha la meccanica in comune con un’altra novità che sta venendo allo scoperto proprio in queste ore a Pebble Beach: l’erede della BMW Z4. Per la Supra, dunque, la trazione posteriore è praticamente una certezza, così come l’adozione dei motori tedeschi, solo a benzina; nello specifico, il 4 cilindri 2.0 turbo da circa 250 CV e il 6 cilindri in linea, sempre turbo, da oltre 330. Poco altro si sa in merito a questa macchina, se non che avrà il cambio automatico come unica scelta possibile. Ancora meno si sa di Nissan e Mazda, ma il magazine tedesco AutoBild riporta che la RX-9 dovrebbe riportare in vita il glorioso motore rotativo Wankel (soluzione usata da RX-7 e RX-8, tra le altre), stavolta accreditato di circa 400 CV, e che la produzione potrebbe cominciare tra fine 2018 e inizio 2019. La 390Z, infine, dovrebbe presentarsi a Tokyo quest’anno in veste di concept car, anche se nel suo caso c’è un’altra, intrigante possibilità: che arrivi in forma di crossover, sulla scia del concept Gripz (nelle foto) presentato al Salone di Francoforte di due anni fa.

Autore:

Tag: Anticipazioni , auto giapponesi , tokyo


Top