dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 agosto 2017

Tesla, al via l’installazione delle colonnine a casa

Per ora solo negli USA, ma si tratta di un importante passo avanti per la diffusione delle elettriche

Tesla, al via l’installazione delle colonnine a casa
Galleria fotografica - Tesla Model 3 prototipoGalleria fotografica - Tesla Model 3 prototipo
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 3
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 4
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 5
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 6
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 7
  • Tesla Model 3 prototipo - anteprima 8

Tesla vuole semplificare la vita dei suoi clienti (attuali e soprattutto futuri: quelli della Model 3, tanto per dirne una…) e per questo ha appena avviato l’offerta “Home Charging Installation”, ovvero l’installazione di una colonnina da 240V in prossimità della piazzola di parcheggio (o il box, ovviamente) del cliente. Comprare un’auto elettrica richiede infatti un vero e proprio cambio di mentalità, soprattutto se questa diventa il mezzo di trasporto principale. Si devono organizzare diversamente i viaggi lunghi, per esempio, ma è opportuno anche potenziare la rete elettrica di casa, magari installando, appunto, una colonnina di ricarica.

Un’offerta limitata agli USA. Per ora

Proprio qui si inserisce questa fresca introduzione, che per il momento interessa però solo alcuni Stati americani: Nevada, Massachusetts, Rhode Island, New Hampshire, Vermont, Delaware, New Jersey, New York, Pennsylvania, Maryland, Connecticut. Può sembrare una banalità, ma contattare un elettricista (non uno qualsiasi, ma uno che conosca le esigenze specifiche di una colonnina di ricarica per automobili), scegliere l’offerta migliore e sbrigare le pratiche burocratiche necessarie potrebbe frenare (o aver frenato) molti potenziali clienti. Da ora in avanti, invece, penserà a tutto Tesla, il cui supporto lo si può mettere nel preventivo direttamente dal configuratore.

Due livelli di potenza di ricarica

Le opzioni offerte da Tesla sono due: la prima è la colonnina da 240V, capace di offrire 40 km di autonomia per ogni ora di ricarica. Si parla già anche di prezzi: 1.000 dollari (poco meno di 1.000 euro) nella maggior parte dei casi, ma si specifica che eventuali adattamenti alla rete elettrica potrebbero apportare costi aggiuntivi. La seconda opzione è quella del Wall Connector, per una ricarica più potente e veloce: il costo in questo caso aumenta, ma non si sa ancora di quanto.

Autore:

Tag: Curiosità , Tesla Motors , auto americane , auto elettrica


Top