dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 11 agosto 2017

Dossier Multe e Ricorsi

Strisce blu e ticket scaduto, tutto su pagamento, multe e ricorso

Chi subisce una multa di 41 euro per aver sforato sulle strisce blu ha diritto a rivolgersi al Giudice di Pace, ecco come

Strisce blu e ticket scaduto, tutto su pagamento, multe e ricorso

Parcheggio a pagamento nelle aree delimitate dalle strisce blu: una regola del Codice della Strada concepita male dal legislatore, piena di cavilli soggetti a diverse interpretazioni, che danno adito a controversie legali, sino ad arrivare spesso in Cassazione. Basti considerare il caos generato da una legge recente, che va a sovrapporsi su normative già esistenti: vedi qui la sosta su strisce blu dove non c’è il parcometro con bancomat. Ma fra le discussioni più vivaci, che coinvolgono automobilisti, Comuni e perfino ministero dei Trasporti, c’è la sosta sulle strisce blu prolungata: per esempio, paghi un’ora col ticket “Gratta e sosta”, parcheggi 2 ore. In questo caso, qual è la multa? In basso, la battaglia che si combatte da anni in materia.

I punti della controversia

#1. Codice. Stando ai Comuni, l’articolo 7 del Codice della Strada fissa una multa a chi sfora sulle strisce blu: per esempio, paghi mezz’ora e sosti un’ora. Il verbale è di 41 euro. Il comma 1 lettera f) recita infatti: i Comuni possono “stabilire, previa deliberazione della giunta, aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta, anche senza custodia del veicolo, fissando le relative condizioni e tariffe in conformità alle direttive del ministero dei Trasporti”. E alla lettera Chiunque viola gli altri obblighi, divieti o limitazioni previsti nel presente articolo, è soggetto al comma 14: per chi sgarra, sanzione amministrativa di 41 euro. Alcuni Comuni applicano una tolleranza di 15 minuti a chi ha già pagato per almeno un’ora e non si avvale di mezzi di pagamento elettronici.

#2. Legge. I Comuni sbandierano poi il testo della legge 15 maggio 1997, numero 127 (cosiddetta Bassanini), comma 132 dell’articolo 17: gli enti possono, con provvedimento del sindaco, conferire funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni in materia di sosta a dipendenti comunali o delle società di gestione dei parcheggi, limitatamente alle aree oggetto di concessione. La procedura sanzionatoria amministrativa e l'organizzazione del relativo servizio sono di competenza degli uffici o dei comandi a ciò preposti. I gestori possono comunque esercitare tutte le azioni necessarie al recupero delle evasioni tariffarie e dei mancati pagamenti, ivi compresi il rimborso delle spese e le penali

#3. Penale. Stando invece all’interpretazione data al Codice della Strada dall’ex ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, chi sfora sulle strisce blu (prolungando la sosta oltre l’orario pagato) subisce non una multa: solo una penale. Stabilita da ogni singolo Comune con una propria deliberazione. La penale dev’essere proporzionata alle ore di sosta in più: per capirsi, chi paga un’ora e parcheggia sulle strisce blu 2 ore non può certo vedersi appioppare una penale di 50 euro. Sarebbe sproporzionata. Grosso modo, la penale è un valore analogo alla somma non pagata: se l’automobilista compra un “Gratta e sosta” di un’ora da 2 euro e parcheggia due ore, la penale sarà attorno a 2 euro.

Problema ricorsi

Chi subisce una multa di 41 euro per aver sforato sulle strisce blu ha ovviamente diritto a fare ricorso. Tuttavia, tenete presente i rischi. Se fate ricorso al Prefetto entro 60 giorni dalla notifica della multa, perdendo pagherete ben 82 euro di multa. Se invece fate ricorso al Giudice di Pace entro 30 giorni dalla notifica, dovete versare una tassa allo Stato di 41 euro: vincendo, la tassa chissà come e quando vi verrà rimborsata dal Comune; perdendo, multa di 41 euro confermata e tassa di 41 euro non recuperabile (totale, 82 euro di stangata). L’unica soluzione? Una riforma del Codice della Strada, che diventi semplice e chiaro; una circolare e magari un decreto che stabilisca una volta per tutte quali sono le regole per chi sfora sulle strisce blu.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , multe


Top