dalla Home

Motorsport

pubblicato il 8 marzo 2008

Nuove Safety Car e Medical Car by Mercedes

Ecco le AMG "amiche" della Formula1

Nuove Safety Car e Medical Car by Mercedes
Galleria fotografica - Safety Cars 2008 by MercedesGalleria fotografica - Safety Cars 2008 by Mercedes
  • Safety Cars 2008 by Mercedes - anteprima 1
  • Safety Cars 2008 by Mercedes - anteprima 2
  • Safety Cars 2008 by Mercedes - anteprima 3
  • Safety Cars 2008 by Mercedes - anteprima 4
  • Safety Cars 2008 by Mercedes - anteprima 5
  • Safety Cars 2008 by Mercedes - anteprima 6

La stagione 2008 di Formula 1 - che avrà inizio il 16 marzo prossimo con il Gran Premio d'Australia a Melbourne - vedrà debuttare sulla linea di partenza (e in fondo al gruppo) due nuove safety car; si tratta della Mercedes SL 63 AMG (che sostituisce la precedente CLK 63 Black Series) e della C 63 AMG Station Wagon nel ruolo di soccorso medico.

UNA SL MOLTO SPECIALE
Le due vetture verranno utilizzate in tutte le 18 tappe del mondiale F1.
La SL 63, fresca di presentazione a Ginevra, adotta il classico motore di 6,3 litri da 525 cavalli e vanta un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi. La versione safety car presenta alcuni specifici adattamenti come uno speciale impianto di scarico AMG con terminali di diametro maggiorato e un miglior flusso dei gas combusti; in questo modo il potente motore aspirato può lavorare in maniera ancora più fluida e "respirare" più liberamente.

Altra modifica riguarda l'impianto di raffreddamento potenziato e l'adozione di più robusti dischi freno in materiali compositi (390 mm all'anteriore e 360 mm dietro). Per venire incontro alle esigenze di raffreddamento imposte dal gravoso uso su pista (anche a basse velocità), l'SL 63 AMG safety car impiega radiatori più grandi per olio motore, trasmissione, acqua di raffreddamento e servosterzo. Per poter tenere il passo delle monoposto questa specialissima SL vanta alcuni importanti alleggerimenti, come i tanti pannelli in fibra di carbonio utilizzati per cofano motore, parafanghi, bagagliaio e scivoli aerodinamici sotto a frontale e coda; la cura dimagrante fa perdere alla cabrio-coupé tedesca la bellezza di 220 kg, facendola arrivare a 1.750 kg complessivi in ordine di marcia.

Un interessante ed inedito dettaglio riguarda la targa posteriore dove la scritta "Safety Car" è composta da 672 luci LED, per una miglior visibilità anche in caso di pioggia o zone in ombra.
Nell'abitacolo Bernd Mayländer e il co-pilota disporranno di sedili racing in carbonio e pelle nera con cinture a 4 punti, volante sportive con parte inferiore appiattita, due monitor e un impianto radio rice-trasmittente per avere sempre chiara la situazione in pista. Il grip a terra è invece assicurato da cerchi da 19 pollici che ospitano gomme Bridgestone da 255/35 e da 285/30.

UNA STATION WAGON FRA I CORDOLI
Per quanto riguarda la vettura di soccorso medico, necessariamente veloce nei suoi interventi urgenti, la C 63 AMG Station Wagon ha subito praticamente le stesse modifiche della SL e come questa vanta il motore V8 (qui da 457 CV) e un assetto regolabile che può essere adattato ai diversi tipi di circuito e alle condizioni dell'asfalto.

Nelle mani del Dott. Jacques Tropenat (Francia) e del co-pilota Dott. Gary Hartstein (Belgio), la C 63 AMG trasporta nei sedili posteriori altri due assistenti medici e nel bagagliaio di 485 litri un'ampia scelta di equipaggiamenti medicali e di primo soccorso, inclusi defibrillatore e respiratore.
L'insieme di modifiche apportate alle due auto ufficiali della F1 dimostrano l'utile e reciproco scambio fra il mondo delle corse e quello delle vetture stradali, i cui caratteri sono qui sapientemente amalgamati.

Autore: Ettore Degli Isidori

Tag: Motorsport , Mercedes-Benz , formula 1 , piloti


Top