dalla Home

Attualità

pubblicato il 4 agosto 2017

Volkswagen, incentivi per la permuta dei vecchi diesel

Il gruppo tedesco promuove in Germania il ricambio delle auto più inquinanti, dall’Euro 1 all’Euro 4

Volkswagen, incentivi per la permuta dei vecchi diesel

L'accordo fra l'associazione dei costruttori tedeschi di auto e il governo di Angela Merkel chiamato "Diesel National Forum", quello dei 5,3 milioni di diesel da richiamare, inizia a dare i primi frutti con un pacchetto di provvedimenti annunciato dal gruppo Volkswagen. Per ridurre le emissioni di ossidi di azoto (NOx) e per salvare il presente e il futuro delle vetture a gasolio il colosso tedesco dell'auto ha deciso di lanciare in primo luogo una campagna di incentivi per la permuta di vecchi modelli diesel con omologazione da Euro 1 a Euro 4; la promozione che sarà offerta a breve vale per tutti i marchi del gruppo Volkswagen (Audi, Seat, Skoda, Porsche e Volkswagen veicoli commerciali) e per il momento sembra riguardare solo la Germania. Il numero uno del gruppo, Matthias Mülle, ha così commentato la decisione: "Con l'incentivo alla permuta diamo ai nostri clienti una forte motivazione per passare ad un veicolo più moderno e più ecocompatibile, con motore a combustione interna o una tecnologia alternativa".

Nell'ambito della stessa intesa Governo-VDA rientra anche l'aggiornamento software - questa volta in tutta Europa - per le auto diesel del gruppo Volkswagen già circolanti e omologate Euro 5 ed Euro 6. Nella sola Germania questa campagna di richiamo coinvolgerà 4 milioni di vetture, cifra che comprende i 2,5 milioni di mezzi già in fase di richiamo (il 70% dei quali già aggiornato). Come concordato con il ministero dei trasporti tedesco, questo massiccio programma di interventi d'officina servirà a ridurre in media del 25-30% il livello di emissioni di NOx. Tornando alle cose tedesche, Volkswagen ricorda che fornirà il suo contributo al fondo di 500 milioni di euro destinato alla "mobilità sostenibile per le città"; la cifra esatta non è stata annunciata, ma il patto stretto con le autorità di Berlino prevede che 250 milioni di euro arrivino dal governo federale e che gli altri 250 milioni siano divisi fra i vari Costruttori tedeschi in proporzione alle singole quote di mercato in Germania.

Autore:

Tag: Attualità , Volkswagen , auto europee , dall'estero , incentivi


Top