dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 4 agosto 2017

Caldo record, 3 dritte per viaggiare meglio in auto

In questi giorni in cui anche muoversi in città è più difficile, può tornare utile qualche consiglio

Caldo record, 3 dritte per viaggiare meglio in auto

Potete definirlo Lucifero oppure “bollino rosso” o “livello 3” su un massimo proprio di 3: comunque sia, fa un caldo infernale, anzi un caldo record. Un mix di temperature elevatissime, asfalto rovente, afa che toglie il respiro: siamo attorno ai 40 °C lungo un po’ tutto lo Stivale. Tanto che le aziende sanitarie sono in stato d’allerta, anche perché un conto è l’indicazione data dalla colonnina di mercurio, e un altro è la temperatura percepita, quella che avvertiamo davvero sulla pelle. E occhio: in un ambiente chiuso come l’abitacolo dell’auto, le cose tendono a peggiorare. Un po’ per via del caldo torrido proveniente dall’esterno e un po’ per la qualità dell’aria che, in macchina, è sempre compromessa. In basso, qualche dritta pratica per un viaggio estivo in auto il meno disagevole possibile. Ovviamente, se siete in macchina da soli e vi sentite in forma i problemi saranno di parecchio inferiori rispetto a uno spostamento con famiglia al seguito: a soffrire di più il caldo sono soggetti deboli come bimbi, donne incinte, anziani, persone afflitte da qualche patologia.

Tris da rammentare

#1. Aria e acqua. No, non partiremo dal consiglio più ovvio e scontato: il climatizzatore, unito alla massima efficienza dei filtri dell’abitacolo. Ormai sapete tutti quanto sia necessario che il “clima” sia ben carico e che condotti e bocchette siano in forma. Senza esagerare: mantenendo la temperatura interna troppo bassa, si corre il rischio di incorrere in malesseri per gli sbalzi termici. Inoltre, il gettito freddo non va diretto verso l’addome (rischio congestioni) o il volto per evitare contratture nervose e muscolari. È un buon inizio, invece, portare in auto un mini frigo, che contenta acqua naturale e frutta. Alla fine, in questo modo il viaggio viene reso confortevole dall’aria fresca e da acqua sempre a portata di mano. E perché la vettura non diventi mai un “forno”, cercate di parcheggiarla in un luogo al riparo dal Sole: l’aria calda non ristagnerà all’interno dell'abitacolo.

#2. Occhio ai sintomi. Massima attenzione ai sintomi dei soggetti deboli che viaggiano con voi in auto: già fuori dalla macchina, prima di salire a bordo o durante una pausa caffè in un’area di servizio, potrebbero evidenziare segni di malessere. Magari un anziano lamenta la gola secca, e questa potrebbe essere una spia della disidratazione: meglio in ogni caso far bere la persona, serve acqua fresca a piccoli sorsi. In modo analogo, un individuo in particolare stato di stress potrebbe sentirsi disorientato per via del caldo fortissimo: c’è chi parla un po’ a vanvera, o fa discorsi strani. Anche in questo caso, è opportuno far bere acqua fresca al soggetto, e se possibile farlo visitare appena arrivati a destinazione.

#3. Abbigliamento e orari. Sì a vestiti leggerissimi, molto comodi: nessun abito che stringa a livello di collo e di pancia. Ovviamente, la sudorazione rischia di essere sempre abbondante: utile detergersi con fazzoletti di carta per sentirsi meno sporchi, quasi a tenere alla larga l’umidità appiccicaticcia di questi giorni. Se ve la sentite, valutate anche di viaggiare di notte, quando il caldo è sempre fortissimo ma meno che nelle ore diurne (però state alla larga dal colpo di sonno).

E c’è anche l’auto…

Proprio per tutelare la salute dei passeggeri, va garantita anche la salute dell’auto, così che il “clima” e tutti gli altri dispositivi funzionino a dovere: in caso di imbottigliamenti da incidente (le micidiali code), specie per le vetture vecchie o poco curate c’è il rischio di surriscaldamento del motore. Se succede, fermarsi immediatamente per evitare danni costosissimi. Inoltre, è bene portare una cassetta di pronto soccorso (qui le regole del trasporto dei farmaci) e i cavetti per ricarica batteria, proprio in virtù dell’utilizzo intenso del “clima”.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , salute , viaggiare


Top