dalla Home

Attualità

pubblicato il 2 agosto 2017

Germania, intesa Governo-Costruttori per richiamare 5 mln di diesel

Gli aggiornamenti software ridurranno del 25-30% le emissioni di NOx, anche per scongiurare lo stop nelle grandi città

Germania, intesa Governo-Costruttori per richiamare 5 mln di diesel

I principali Costruttori tedeschi di auto hanno firmato un accordo con il governo di Berlino per richiamare 5 milioni di vetture diesel e aggiornare così il software di bordo per ridurre del 25-30% le emissioni di ossidi di azoto, i famigerati NOx. L'incontro d'urgenza convocato per discutere con i rappresentanti del Bundestag il futuro di tantissime auto a gasolio che potrebbero presto essere costrette a rimanere fuori dalle grandi città tedesche ha portato quindi ad un primo risultato, sottoscritto al momento da BMW, Daimler, Opel e Volkswagen.

Firmano BMW, Daimler, Opel e Volkswagen

Oltre al ministro dei trasporti tedesco, Alexander Dobrindt, alla riunione erano presenti i principali rappresentanti della VDA, l'associazione nazionale dei costruttori di auto, fra cui Matthias Müller per Volkswagen, Harald Krüger per BMW e Dieter Zetsche per Daimler. Oltre alla campagna di richiami che si sommano a quelli volontari già decisi recentmente anche da Audi e Mercedes, l'intesa fra Case e Governo prevede la creazione di un fondo per lo sviluppo del trasporto urbano sostenibile e incentivi per la rottamazione dei diesel più vecchi.

Costi a carico dei Costruttori

Come riporta Bloomberg, la VDA ha così commentato la decisione di richiamare i 5 milioni di diesel: "L'industria dell'auto sa di aver perso molta della fiducia di cui godeva. Dobbiamo e vogliamo lavorare per riguadagnare questa fiducia nell'interesse di tutto il settore, dei clienti, dei lavoratori e del Paese intero". I costi di questa imponente campagna di richiami saranno sostenuti dai Costruttori stessi che come di consueto promettono che le auto modificate manterranno i livelli di prestazioni, consumi e affidabilità precedenti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , auto europee , dall'estero , richiami


Top