dalla Home

Curiosità

pubblicato il 31 luglio 2017

Tesla Model 3, come va secondo americani e inglesi

Motor Trend: in curva vale la Giulia Quadrifoglio. Top Gear: veloce, ma lo sterzo non sembra al top

Tesla Model 3, come va secondo americani e inglesi
Galleria fotografica - Tesla Model 3Galleria fotografica - Tesla Model 3
  • Tesla Model 3 - anteprima 1
  • Tesla Model 3 - anteprima 2
  • Tesla Model 3 - anteprima 3
  • Tesla Model 3 - anteprima 4
  • Tesla Model 3 - anteprima 5
  • Tesla Model 3 - anteprima 6

Era una delle auto più attese dell’anno, se non degli ultimi dieci: eccola, la Tesla Model 3, il modello “per tutti” della casa californiana. Nei giorni scorsi ha fatto il proprio debutto mondiale di fronte ai primi invitati: clienti e amanti del marchio, ma anche giornalisti e influencer che non hanno mai dimostrato il minimo scetticismo sull’operato dell’azienda (come nel caso del ritardo nel completamento dei lavori della Gigafactory). Insomma: in stile Apple, Tesla si è scelta la platea di fronte alla quale presentare il proprio prodotto più importante. Il che non significa che non siano arrivate indicazioni interessanti, anzi, ma che prima di dare un giudizio definitivo sulla Model 3 (come con ogni altra auto, del resto, ma questa volta anche di più), ci riserviamo di guidarla di persona. Nell’attesa, ecco il pensiero di americani e inglesi, che hanno provato la versione a trazione posteriore.

“L’auto più importante del secolo” - Motor Trend

Il titolo qui sopra l’ha dato Motor Trend, spiegandolo in questo modo: “se la Model S ha dimostrato che un’auto elettrica dalla grande autonomia è una cosa possibile e la Model X ha esteso questo concetto a un SUV, la Model 3 porta tali caratteristiche su un’auto che - secondo gli obiettivi - verrà costruita in mezzo milione di esemplari all’anno”. Mezzo milione di clienti, si legge sempre su Motor Trend, che verranno conquistati prima di tutto da un’accoglienza in pieno stile Tesla: l’abitacolo porta ancora più all’estremo, se possibile, il concetto di minimalismo. Lo schermo da 15,4” domina la scena mentre optional come il legno che riveste la plancia, i sedili anteriori regolabili in 12 direzioni e quelli posteriori riscaldabili, la piastra per la ricarica induttiva, l’impianto audio con 12 altoparlanti alzano (e di tanto, ndr) il prezzo, ma anche il livello della qualità percepita. Una perplessità il direttore di Motor Trend la esprime in merito alla strumentazione nello schermo da 15,4”: viene messa in dubbio la leggibilità delle informazioni fondamentali (la velocità istantanea, per esempio). Sempre a proposito di interni, la Model 3 viene definita molto più spaziosa di quello che ci si aspetta da un’auto relativamente compatta (4,69 metri), grazie anche al fatto che la plancia è molto sottile e bassa.

In curva? Come l’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio - Motor Trend

Sì, avete letto bene: il direttore di Motor Trend sostiene che la precisione e l’agilità in curva della Model 3 siano paragonabili a quelle della sportiva italiana. Con tanto di sterzo sensibile e rapido seppur piuttosto leggero. Quanto al motore, a quanto si legge è chiara la parentela con la Model S, anche se il motore è diverso. L’esemplare guidato, dotato di batteria estesa (quella da 500 km di autonomia), accelera in modo davvero convincente.

Una Tesla al 100%, anche se più piccola - Auto Express

Gli inglesi di Auto Express, pur riconoscendo molte qualità alla Model 3, sono meno entusiastici nei toni. Trova conferma l’impressione degli americani secondo cui lo spazio sia tanto, in rapporto all’ingombro esterno (anche se, ovviamente, inferiore rispetto a quello della Model S), così come la peculiarità dell’abitacolo minimalista nel design e con tutti i controlli (compresi l’orientamento delle bocchette dell’aria e la posizione del piantone di sterzo) condensati nello schermo centrale da 15,4” (alcuni sono replicati nei due comandi sulle razze del volante). Gli inglesi confermano inoltre le buone impressioni dal punto di vista dinamico, grazie in particolare alla prontezza e alla sensibilità dello sterzo, oltre che alla consistenza dell’assetto. Si sottolinea però come la prova sia stata breve, quindi non vengono forniti ulteriori dettagli né si fanno paragoni con altre auto. Viene detto, questo sì ma era anche abbastanza intuitivo, che le risposte al pedale del gas sono immediate e quasi cattive.

Veloce e molto rilassante - Top Gear

Anche per Top Gear il test è stato molto breve, ma i colleghi inglesi sono abbastanza sicuri che la Model 3 acceleri più rapidamente, da 0 a 96 km/h (0-60 mp/h), rispetto ai 5,1 secondi dichiarati. A colpire la loro attenzione, oltre allo scatto, è stata anche la piacevole sensazione di relax e isolamento dal mondo esterno. Nulla di eccezionale, invece, per quello che riguarda il telaio: si ribadisce una volta di più che i km erano troppo pochi per dare giudizi strutturati, ma su Top Gear si legge che lo sterzo ricorda quello di Model S e Model X e quindi non al livello delle migliori auto “tradizionali” paragonabili alla Model 3, detto che di rivali dirette non ne esistono.

Tesla Model 3, le prime 50 consegne

Elon Musk ha consegnato, a Fremont, le prime 50 Tesla Model 3 ad altrettanti clienti americani.

Scheda Versione

Tesla Model 3
Nome
Model 3
Anno
2018
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
3 volumi
Porte
5 porte
Motore
elettrica
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Curiosità , Tesla , auto americane , auto elettrica


Top