dalla Home

Attualità

pubblicato il 31 luglio 2017

FCA, boom di utili nel primo semestre 2017

Trascinati dalla Maserati, i conti fra gennaio e giugno sono ottimi: i guadagni a 1,80 miliardi (+125%)

FCA, boom di utili nel primo semestre 2017

Il leggero calo delle vendite fra aprile e giugno 2017 non ha “sporcato” il bilancio del gruppo FCA nel primo semestre dell’anno, in cui l’azienda ha saputo far crescere le entrate e soprattutto i guadagni: il costruttore ha incassato 55,644 miliardi di euro fino al 30 giugno e ha registrato un utile netto di 1,796 miliardi, superiore del 125% rispetto ai 799 milioni del primo semestre dell’anno scorso. Questi numeri stridono all’apparenza con l’impasse a livello di vendite, diminuite nel secondo trimestre ma rimaste invariate fra giugno 2016 e giugno 2017: il gruppo FCA ha registrato consegne per 2,370 milioni di unità alla fine del semestre (erano 2,364 milioni un anno fa) e per 1,225 milioni fra aprile e giugno (erano 1,233 milioni). Il calo nel secondo trimestre è sostenuto in particolare sul mercato nordamericano, dove le consegne sono diminuite del 14%, a fronte però di un incremento in America Latina (+18%) ed Europa (+8%). L’aumento è generoso anche in nella zona Asia Pacifico (+43%), ma qui il Gruppo ha consegnato nel secondo trimestre solo 80.000 vetture.

La situazione del gruppo è molto più incoraggiante a livello finanziario, dove tutti gli indicatori sono in attivo, a partire dai guadagni: l’azienda ha riportato un utile di 1,155 miliardi fra aprile e giugno (+260% rispetto al secondo trimestre del 2016) e di 1,796 miliardi fra gennaio e giugno (+125%). Nel secondo trimestre il gruppo FCA ha guadagnato l’8,4% per ciascuna auto venduta in Nord America (era il 7,9% nel 2016) e il 3,3% in Europa (era il 2,5%). Fondamentale in tal senso è la Maserati, che genera profitti come nessun’altro marchio del gruppo: fra aprile e giugno 2017 le consegne sono cresciute del 91% rispetto allo stesso periodo del 2016 (13.200 unità), i ricavi sono passati da 579 milioni a 1,07 miliardi e il guadagno è passato da 36 milioni a 152 milioni. Ciò significa che il Tridente ha guadagnato il 14,2% da ogni auto venduta. Alla luce di questi risultati il gruppo FCA conferma le stime di inizio anno, aspettandosi per fine 2017 un utile netto superiore a 3 miliardi e una nuova riduzione del debito, già calato di quasi 5 miliardi fra il 31 dicembre 2016 e il 30 giugno 2017: a quella data ammontava a 19,95 miliardi.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , immatricolazioni


Top